sabato 10 dicembre | 12:28
pubblicato il 24/mar/2014 11:23

Governo: Brunetta, e' continuo bluff Renzi, nodi vengono gia' al pettine

(ASCA) - Roma, 24 mar 2014 - ''A volte capita che un viaggio di nozze non dia i risultati sperati. Si torna alla normalita' e si raccolgono i cocci. Per Matteo Renzi, forse, non siamo giunti a questo punto, ma e' certo che la luna di miele mostra evidenti segni di logoramento. Non sono solo le baruffe con Squinzi e la Camusso a suonare l'allarme. E' il suo rapporto con la grande stampa che non e' piu' quello dei primi giorni. Quella grande bolla di promesse, di interventi continuamente evocati, quell'escalation di chiacchiere dagli incerti fondamenti, sta mostrando la corda. Ed ora, che il re e' sempre piu' nudo, i nodi vengono al pettine''. Lo dichiara in una nota Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia.

''Come finanziera' le sue promesse? Dove prendera' i soldi necessari, visto che la strada di un finanziamento in deficit, strozzata dai vincoli internazionali e costituzionali, si dimostra sempre meno praticabile? Di fronte a queste difficolta' la ritirata e' stata annunciata da la Repubblica. Messa da parte ogni velleita' d'intervento strutturale - se ne riparlera' (forse) con la prossima legge di stabilita' - si e' passati alla semplice ipotesi della corresponsione di un ''bonus'. Una piccola mancia che dovrebbe calamitare il necessario consenso elettorale, in vista delle prossime elezioni europee. Pur ridimensionato, tuttavia, il progetto annunciato - prosegue Brunetta - non risolve le criticita' di base. Per soddisfare quest'esigenza servono pur sempre sei miliardi e mezzo. L'idea e', allora, quella di ''taroccare' il quadro macro-economico. Immaginare, cioe', che le misure annunciate possano accrescere il tasso di sviluppo e quindi mettere fieno in cascina. Vale a dire aumentare le risorse finanziarie a disposizione. Cosi' - dice sempre la Repubblica - si troverebbero circa 3 miliardi, che sono pur sempre la meta' di quanto e' necessario. Sennonche', anche in questo modo, i conti non sembrano tornare''. ''Le misure di rilancio dell'economia, a loro volta, implicano un costo aggiuntivo: solo per la riduzione del costo dell'energia e l'edilizia scolastica ci vogliono circa 5 miliardi. C'e' poi l'impegno assunto nei confronti del pagamento dei debiti della PA - 68 miliardi - che comportera' un forte aumento del debito pubblico, senza tener conto del maggior deficit per la parte in conto capitale. Il tutto condito da un aumento della tassazione sul risparmio - dal 20 al 26 per cento - che non fa fare certo salti di gioia ai possibili finanziatori. Se non e' una missione impossibile, poco ci manca. Comunque auguri. Da parte nostra continueremo a vigilare: pronti a discutere di cose serie. Per la propaganda - conclude Brunetta - non siamo disponibili''. com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina