sabato 10 dicembre | 19:37
pubblicato il 01/ott/2013 12:41

Governo: Brunetta, allo stato attuale Letta non puo' chiedere fiducia

Governo: Brunetta, allo stato attuale Letta non puo' chiedere fiducia

(ASCA) - Roma, 1 ott - ''Il presidente del Consiglio, Enrico Letta, ha detto che domani andra' alle Camere a chiedere la fiducia. Ma costituzionalmente parlando ha ragione oppure no? Su quale governo chiede la fiducia? Su quello ''amputato' dalle dimissioni di 5 ministri? O su un governo ''rimpastato' da nuove nomine?''. E' quanto si chiede in una nota il presidente dei deputati Pdl, Renato Brunetta. ''E' bene spiegare come stanno le cose. La Costituzione, all'articolo 92 - prosegue Brunetta -, prevede una determinata composizione del governo (presidente del Consiglio e ministri che insieme formano il Consiglio dei ministri). Il governo nell'attuale composizione ha ottenuto la fiducia delle Camere e tale fiducia e' presunta esistente fino ad un espresso voto di sfiducia. Il governo puo', ovviamente spontaneamente dimettersi e puo' anche compiere una verifica della fiducia attraverso specifiche votazioni fiduciarie. La delicatezza dell'attuale situazione consiste nel fatto che il governo si trova ad avere 5 ministri dimissionari, alcuni dei quali costituiscono organi necessari del governo stesso in quanto titolari di dicasteri con portafoglio. Non puo' pertanto dirsi che il governo (che e' organo ''perfetto', cioe' non puo' tollerare vacanze per continuare ad essere pienamente in carica) sia perfettamente in grado di funzionare secondo un criterio di normalita'. E' vero che le dimissioni non sono state ancora accettate, ma il fatto che siano state presentate ha certamente una rilevanza giuridica (oltre che politica)''. ''Dunque la prima questione che il governo e il presidente della Repubblica debbono affrontare e' quella della sorte del governo stesso che abbia dei ministri dimissionari. La situazione - continua Brunetta - puo' essere risolta in vari modi: a) con il ritiro delle dimissioni; b) col rigetto delle dimissioni (che potrebbero poi essere confermate dal proponente); c) con l'accoglimento delle dimissioni e la nomina dei nuovi ministri; d) con l'accoglimento e il conferimento dell'incarico di ministro ad interim (per i ministri con portafoglio); e) con la presentazione delle dimissioni dell'intero governo. Rispetto alla prospettiva di svolgere comunicazioni alle Camere da parte del presidente del Consiglio, questa non puo' essere certamente negata. Piu' problematico e' che il governo chieda una conferma della fiducia senza chiarire preliminarmente al Parlamento su quale soluzione in ordine alla propria compagine cio' debba avvenire. Astrattamente potrebbe anche aspettare di risolvere il dubbio alla luce del dibattito parlamentare. Ma cio' che e' certo e' che non puo' chiedere un voto di fiducia prima di aver sciolto il nodo delle dimissioni. Forzare un voto di fiducia, senza aver chiarito le proprie intenzioni in ordine alla consistenza strutturale dell'esecutivo, sarebbe uno stravolgimento della ratio della votazione. Che e' quella di consolidare il rapporto tra uno specifico governo (fatto da persone fisiche individuate) e uno specifico Parlamento, chiarendo inoltre agli elettori (non a caso si vota per appello nominale) l'esatta natura dei rapporti politici tra i due organi''. ''Puo' dunque Letta, allo stato attuale, chiedere la fiducia? Sembrerebbe proprio di no. Prima deve risolvere il rebus delle dimissioni dei suoi ministri, e solo dopo puo' chiedere alle Camere di esprimersi favorevolmente o meno rispetto al suo governo. L'alternativa e' dimettersi'', conclude Brunetta.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina