mercoledì 22 febbraio | 19:04
pubblicato il 06/ott/2011 18:52

Governo/ Bossi: Non si arriva al 2013. Ultimatum su dl sviluppo

I leghisti: A gennaio verifica, ma va evitato il governo tecnico

Governo/ Bossi: Non si arriva al 2013. Ultimatum su dl sviluppo

Roma, 6 ott. (askanews) - Al voto "un po' dopo" la primavera, di sicuro prima del 2013. Giusto il tempo di fare una nuova legge elettorale, e poi per Umberto Bossi si può tornare alle urne, perchè - spiega con la consueta schiettezza - "è difficile spennare la gente e poi farsi votare. Meglio andare al voto prima". Che il termine naturale della legislatura sia "troppo lontano" e "obiettivamente complicato" da raggiungere, il leader della Lega lo ripete da tempo, salvo poi difendere il governo in occasione dei voti su Milanese e Romano. Ma stavolta il terreno scelto per il confronto con Silvio Berlusconi è di tutt'altra natura, e - sottolinea un dirigente leghista - "è quello che i nostri elettori si aspettano da noi", ovvero il decreto sviluppo in corso di elaborazione. E le richieste della Lega stavolta coincidono con quelle del premier e sono in rotta di collisione con i paletti fissati da Giulio Tremonti: non solo liberalizzazioni e norme 'ordinamentali', servono risorse fresche. E' per questo, spiega un deputato della Lega, che il Carroccio si è sfilato dal vertice convocato a palazzo Grazioli: doveva vedere riunita tutta la maggioranza, si è derubricato a incontro tra i pidiellini. Accompagnato da una frase di Bossi: "Aspettiamo di vedere tutto il decreto, poi discutiamo". Perchè "il testo che abbiamo visto finora - spiega un dirigente leghista - contiene liberalizzazioni e norme senz'altro positive, ma che da sole non possono bastare". E non è un problema di 'costo zero', spiega la stessa fonte: "Può anche essere a saldi invariati per i bilanci dello Stato, ma allora vuol dire che si deve riorganizzare il sistema degli incentivi, togliere risorse su capitoli inutili e concentrarli dove servono". Un capitolo per ora assente dal testo, ma che per la Lega è fondamentale. E rispetto al quale, è la metafora di un deputato, "Bossi si è appostato di nuovo dietro il cespuglio". Insomma, il dl sviluppo è "l'ultima chiamata per il rilancio di questo governo", sintetizza un esponente del Carroccio. Un tema sul quale la Lega non ha paura di preparare la rottura: "Non una manovra di palazzo, ma un argomento che veramente interessa ai cittadini", spiega un deputato vicino a Roberto Maroni. Se dunque il decreto non dovesse essere quello che vuole la Lega, a quel punto la parola potrebbe passare al capo dello Stato, e potrebbe finalmente concretizzarsi il progetto cui il ministro dell'Interno lavora da tempo: un governo di centrodestra riallargato all'Udc, con un premier diverso da Berlusconi. Anche se, ragionano uomini vicini a Maroni, non è detto che la rottura si debba consumare immediatamente, anzi. "Se davvero si deve rompere, il momento giusto è gennaio. Se si stacca la spina prima, sarebbe impossibile andare al voto e si dovrebbe formare comunque un governo: e non è detto che sia il governo che vogliamo noi". Al contrario, "a gennaio se non si riuscisse a dar vita all'esecutivo che immaginiamo avremmo sempre la 'via di fuga' del voto anticipato. Prima rischieremmo un esecutivo tecnico con un'ampia maggioranza in cui non conteremmo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Orfini: dopo Emiliano spero ci ripensino Rossi e Speranza
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Pd
Di Maio (M5s): elettori Pd disorientati, guardano a noi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Spazio, astronauti italiani e cinesi lavoreranno fianco a fianco
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech