giovedì 23 febbraio | 00:22
pubblicato il 02/mar/2011 17:03

Governo/ Bondi annuncia dimissioni, solidarietà da maggioranza

Opposizione ironica incalza: Decida, vorremmo prenderlo sul serio

Governo/ Bondi annuncia dimissioni, solidarietà da maggioranza

Roma, 2 mar. (askanews) - Sandro Bondi rilancia l'ipotesi di sue dimissioni dall'incarico di ministro dei Beni culturali, dopo l'intervista di domenica scorsa al Corriere della Sera, il coordinatore del Pdl ha scritto al Giornale per annunciare la "piena e consapevole scelta" di lasciare il Governo. Una decisione dettata anche dalla constatazione di non essere stato "sostenuto con la necessaria consapevolezza dalla stessa maggioranza di governo e da quei colleghi che avrebbero potuto imprimere insieme a me una svolta nel modo di concepire il rapporto tra Stato e cultura". Annuncio che innesca una catena di dichiarazioni di solidarietà da parte degli esponenti della maggioranza, che gli chiedono di rimanere, ma anche il sarcasmo delle opposizioni che chiedono al ministro di decidersi. Il presidente Berlusconi - ha precisato Bondi - sa della mia decisione di lasciare il ministero e affronterà la questione non appena possibile. Sa anche che questa decisione nasce da una scelta di vita personale e sa anche che non sono mai stato in cerca di incarichi nè di mostrine". E il ministro ha voluto sottolineare che non si tratta di un 'divorzio' dal Cavaliere: "voglio svolgere bene l'incarico di senatore e desidero più di ogni altra cosa continuare a lavorare al suo fianco per cambiare questo Paese". Subito, diversi ministri hanno chiesto a Bondi di restare: Renato Brunetta, Daniela Santanché, Ignazio La Russa, Gianfranco Rotondi, Maria Stella Gelmini, Maurizio Sacconi, Raffaele Fitto, Michela Brambilla lo hanno invitato a ripensarci, elogiando il suo lavoro al dicastero. Diversa la reazione delle opposizioni. Rocco Buttiglione (Udc) ha rinnovato la "stima personale" per Bondi, dicendo però di apprezzare "la sua anticipazione di voler dare le dimissioni". Francesco Rutelli dell'Api ha usato il sarcasmo: " "Non si sono mai viste dimissioni così tormentate. Bondi è di fatto dimissionario da quattro mesi, si decida una buona volta". Il capogruppo Idv Massimo Donadi, poi, ha chiesto di "porre fine a questa farsa", mentre il Pd Matteo Orfini è necessario che "le dimissioni siano dunque immediate, e i colleghi di Bondi, invece di chiedergli un ripensamento, si assumano la loro parte di responsabilità".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Roma
Grillo: Roma una bomba atomica, che pretendete da M5s?
Governo
Renzi: governo fa cose importanti ma se ne parla poco
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech