sabato 03 dicembre | 03:40
pubblicato il 05/mar/2013 13:37

Governo: Bonanni, basta battibecchi. Al piu' presto esecutivo nazionale

(ASCA) - Roma, 5 mar - ''Spero che prevalga il senso di responsabilita' per allestire al piu' presto un governo nazionale ma anche un'azione piu' puntuale dei governi locali. Comuni e regioni hanno molti poteri e vanno amministrati diversamente, con una gestione forte dei fattori d'industria''. Cosi' il segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni, dai microfoni di 'Prima di tutto' su Radio1 esorta le forze politiche a mettersi in moto al piu' presto per affrontare la grave crisi in cui versa il paese.

''I paesi vanno governati - sottolinea Bonanni -, basta battibecchi, le forze politiche sono chiamate ad amministrare il Paese e non certamente a fare una sorta di Palio di Siena, dove ogni contrada pensa di tagliare il traguardo da sola''.

Per il leader della Cisl ''e' davvero sconcertante. Mi pare che si stia smarrendo il senso di responsabilita' e della misura. Come se l'Italia vivesse di chiacchiere e non vivesse invece delle tante Bridgestone, delle tante aziende che abbiamo da Nord e Sud'' sottolinea facendo riferimento anche alla vicenda della Bridgestone ''dove in Puglia viene rimesso in discussione il lavoro di un migliaio di persone''.

Bonanni si dice preoccupatp ''perche' a nostro avviso il problema dipende non solo da fattori di riduzione legati al mercato che limita la produzione, ma anche al desiderio di disinvestire in Italia, nel Mezzogiorno in particolare.

Quando i fattori di sviluppo non vengono gestiti, tra l'Italia e la Polonia, si sceglie la Polonia, tra l'Italia e la Slovenia, si sceglie la Slovenia''. Secondo il numero uno della Cisl ''per questo servono decisioni e interventi chiari, non discussioni generiche, ma interventi territorio per territorio. I nostri siti industriali sono in contesti territoriali trascurati da decenni e decenni. Le infrastrutture, l'energia, i servizi, la giustizia, le amministrazioni: tutti fattori che possono indurre le aziende ad andarsene''. ''La nostra ricchezza - conclude - viene da li', e noi la stiamo perdendo, per incuria, non per discorsi di grande portata. Basta scontri e discussioni continue, dobbiamo tornare ad occuparci dei problemi del lavoro di cui nessuno si occupa. E' una situazione terrificante, questa''. red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari