martedì 17 gennaio | 20:37
pubblicato il 21/lug/2011 17:05

Governo/ Big Pdl cercano riagganciare Lega e 'chiamano' Calderoli

Si informano: Maroni vuole rompere?Riforme,no vostre fughe avanti

Governo/ Big Pdl cercano riagganciare Lega e 'chiamano' Calderoli

Roma, 21 lug. (askanews) - Intanto l'interlocutore, Roberto Calderoli e non Roberto Maroni. Certo, Calderoli è l'uomo delle riforme della Lega e con lui è normale consultarsi se si discute appunto di riforme, ma siccome con il ministro dell'Interno i rapporti sono ai minimi storici un vertice con il ministro bergamasco presenta una valenza politica non irrilevante. L'incontro dei big del Pdl (una sorta di gabinetto di guerra con Berlusconi assente) con il ministro della Semplificazione, il giorno dopo il caso Papa e per di più in via dell'Umiltà, diventa dunque il tentativo - durato quasi un'ora e mezza - per tentare di arginare la smottamento della maggioranza. I big del Pdl, dunque, da Angelino Alfano a Denis Verdini, da Maurizio Gasparri a Massimo Corsaro, insieme a Ignazio La Russa, Fabrizio Cicchitto e Gaetano Quagliariello, hanno tentato innanzitutto di riempire un vuoto di comunicazione con l'alleato, sondare la Lega e testarne le intenzioni. Essendo Calderoli l'uomo delle riforme, a lui si sono rivolti anche per tentare di conoscere le prossime mosse del Carroccio e proporne di comuni. La bozza Calderoli è un primo, un punto di partenza sul quale ragionare. Una bozza sulla quale il Pdl intende avere voce in capitolo, magari presentando una controproposta per ottenere poi una sintesi. Anche perché, è stata la preoccupazione evidenziata dai dirigenti pidiellini, non possono essere solo i padani a intestarsi il percorso di riforme e il Pdl deve avere pari visibilità. Il Popolo della libertà, tra l'altro, valuta in queste ore anche interventi sulle Province. Un tema del quale si è discusso ieri a Palazzo Grazioli. La proposta più radicale sarebbe quella di abolirle, per contrastare l'ondata di antipolitica e lanciare un segnale. O, in alternativa, di accorparle per ridurle. Assente Berlusconi, i dirigenti pidiellini hanno accennato anche a un tema già affrontato ieri, la successione di Angelino Alfano al ministero della Giustizia. Dai big di via dell'Umiltà è partito un vero e proprio pressing su Maurizio Lupi, affinché accetti la poltrona di via Arenula, perché considerato la figura meglio spendibile in quel ruolo. Un passaggio obbligato per liberare Alfano dal ministero e permettergli di potersi occupare del rilancio del partito.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa