martedì 21 febbraio | 00:37
pubblicato il 21/lug/2011 17:05

Governo/ Big Pdl cercano riagganciare Lega e 'chiamano' Calderoli

Si informano: Maroni vuole rompere?Riforme,no vostre fughe avanti

Governo/ Big Pdl cercano riagganciare Lega e 'chiamano' Calderoli

Roma, 21 lug. (askanews) - Intanto l'interlocutore, Roberto Calderoli e non Roberto Maroni. Certo, Calderoli è l'uomo delle riforme della Lega e con lui è normale consultarsi se si discute appunto di riforme, ma siccome con il ministro dell'Interno i rapporti sono ai minimi storici un vertice con il ministro bergamasco presenta una valenza politica non irrilevante. L'incontro dei big del Pdl (una sorta di gabinetto di guerra con Berlusconi assente) con il ministro della Semplificazione, il giorno dopo il caso Papa e per di più in via dell'Umiltà, diventa dunque il tentativo - durato quasi un'ora e mezza - per tentare di arginare la smottamento della maggioranza. I big del Pdl, dunque, da Angelino Alfano a Denis Verdini, da Maurizio Gasparri a Massimo Corsaro, insieme a Ignazio La Russa, Fabrizio Cicchitto e Gaetano Quagliariello, hanno tentato innanzitutto di riempire un vuoto di comunicazione con l'alleato, sondare la Lega e testarne le intenzioni. Essendo Calderoli l'uomo delle riforme, a lui si sono rivolti anche per tentare di conoscere le prossime mosse del Carroccio e proporne di comuni. La bozza Calderoli è un primo, un punto di partenza sul quale ragionare. Una bozza sulla quale il Pdl intende avere voce in capitolo, magari presentando una controproposta per ottenere poi una sintesi. Anche perché, è stata la preoccupazione evidenziata dai dirigenti pidiellini, non possono essere solo i padani a intestarsi il percorso di riforme e il Pdl deve avere pari visibilità. Il Popolo della libertà, tra l'altro, valuta in queste ore anche interventi sulle Province. Un tema del quale si è discusso ieri a Palazzo Grazioli. La proposta più radicale sarebbe quella di abolirle, per contrastare l'ondata di antipolitica e lanciare un segnale. O, in alternativa, di accorparle per ridurle. Assente Berlusconi, i dirigenti pidiellini hanno accennato anche a un tema già affrontato ieri, la successione di Angelino Alfano al ministero della Giustizia. Dai big di via dell'Umiltà è partito un vero e proprio pressing su Maurizio Lupi, affinché accetti la poltrona di via Arenula, perché considerato la figura meglio spendibile in quel ruolo. Un passaggio obbligato per liberare Alfano dal ministero e permettergli di potersi occupare del rilancio del partito.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Elezioni
Blog Grillo: pazienza italiani ha un limite, lasciateci votare
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia