domenica 04 dicembre | 22:14
pubblicato il 01/mar/2013 08:31

Governo: Bersani, un programma per la fiducia. ''Parlamento sia responsabile''

Governo: Bersani, un programma per la fiducia. ''Parlamento sia responsabile''

(ASCA) - Roma, 1 mar - ''Io non ho mai pensato che se non vinciamo e' colpa degli italiani che non ci capiscono. E neanche penso che quel che e' avvenuto sia riconducibile a errori della campagna elettorale che possono sempre esserci. Si sono fronteggiati una destra che proponeva soluzioni fiscali oniriche e Grillo che proponeva la palingenesi'', dichiara Pier Luigi Bersani in una intervista che compare oggi su ''la Repubblica''. Il segretario del Pd indica un problema che a suo parere ha finito per pesare sull'esito del voto: ''La necessita' di non rompere con Monti ci ha condizionato. E in questo condizionamento qualcosa abbiamo pagato''. Bersani parla degli effetti della crisi sociale sul risultato elettorale che puo' aver esasperato alcune fasce di elettorato e dice di essere stato consapevole di ''quanto contassero anche i nodi dei costi e dei meccanismi della nostra democrazia, che via via sono diventati una pregiudiziale ineludibile per tanti elettori che hanno scelto il M5S''. Il leader piddino si difende pero' dalle critiche: ''Non mi si venga a dire che non avevamo visto il pericolo. Se non l'avessi visto, non avrei fatto le primarie mettendomi in gioco''. Mentre la discussione sul risultato elettorale continua, la questione centrale ora e' diventata quella del che fare: ''Prima di tutto c'e' da rispettare l'esito del voto. In secondo luogo c'e' bisogno che ciascuno si assuma le sue responsabilita'. A noi spetta la prima parola perche' abbiamo la maggioranza, larga alla Camera e relativa al Senato. E allora per noi responsabilita' significa cambiamento. Il cambiamento non e' esclusiva del M5S''. Il segretario annuncia che quando verra' chiamato dal Capo dello Stato per le consultazioni gli presentera' un programma preciso: rilancio della crescita e del ruolo dell'Europa politica, interventi sul tema disoccupazione, sblocco dei pagamenti della Pubblica amministrazione, dimezzamento dei parlamentari, legge che regoli la vita dei partiti, drastiche norme anticorruzione. Bersani conferma sul successivo iter quanto detto nella conferenza stampa di martedi' scorso: ''Con questa piattaforma mi presento al Parlamento e mi rivolgo a tutte le forze politiche per vedere chi e' pronto ad assumersi le proprie responsabilita'''. Questo metodo potrebbe dare le basi a ''un governo di cambiamento, che come tutti i governi chiedera' la fiducia''. Bersani manda un messaggio a Beppe Grillo: ''Leggendo la nostra Costituzione, votare legge per legge non e' sufficiente perche' un governo nasce con un voto di fiducia o non nasce per niente. Ora sta a lui scegliere. Il paese va governato, non puo' essere lasciato allo sbando di fronte all'Europa''. Qualora il M5S non accettasse la mano tesa, il segretario del Pd esclude perentoriamente alternative da ''governissimo'' con Berlusconi: ''Lo voglio dire con assoluta chiarezza: ''l'ipotesi delle larghe intese non esiste e non esistera' mai''. E aggiunte che proposte di governissimo ''sarebbero la morte del Pd''. Sulla legge elettorale, infine, Bersani ricorda che nella proposta del suo partito non si fa cenno al presidenzialismo, a cui invece ha fatto riferimento ieri Massimo D'Alema in una intervista al ''Corriere della Sera''. A proposito di D'Alema, dopo un incontro con Bersani che deve avergli espresso le sue perplessita' per quella intervista, ieri sera l'ex ministro degli Esteri ha corretto al Tg1 l'apertura a una ipotesi di governissimo formato da Pd, Pdl e M5S che aveva fatto proprio nel colloquio con il quotidiano milanese: ''Era un invito rivolto da parte di una persona preoccupata alle maggiori forze politiche, alle tre maggiori forze politiche uscite dalle elezioni perche' ci sia una comune assunzione di responsabilita'''. D'Alema chiarisce che sulla base della ''maggioranza che il centrosinistra ha alla Camera spetta al Pd fare un governo, le altre forze devono e possono assumere responsabilita'''. Poi ci tiene a sottolineare: ''Mai il Pd fara' un'alleanza con Berlusconi, sarebbe l'errore piu' grande se le vecchie forze politiche si mettessero insieme. Dunque Grillo non si illuda. Se Grillo vuole che la legislatura vada avanti, deve prendersi una parte di responsabilita'''. L'altola' di Giorgio Napolitano a Peer Steinbrueck, leader dei socialdemocratici tedeschi che aveva parlato di elezioni italiane ''vinte da due clown'', e' intanto piaciuto a Grillo: ''In questi anni e' stato criticato per molte scelte a mio avviso sbagliate ma ieri in Germania ho visto, al termine del suo mandato, il mio presidente della Repubblica. Un italiano che ha tenuto la schiena dritta. Chapeau''. E' un segnale di disgelo in vista dell'incontro che Napolitano e il leader del M5S avranno al Quirinale quando inizieranno le consultazioni per la formazione del nuovo governo. Nessuna apertura invece da parte di Grillo alle proposte sulla governabilita' fatte da Bersani. gar/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, Viminale assicura: matite copiative sono indelebili
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari