domenica 22 gennaio | 15:45
pubblicato il 31/mag/2011 21:28

Governo/ Bersani sonda la Lega e mobilita partito su referendum

Segretario rispolvera il 'modello elettorale ungherese'

Governo/ Bersani sonda la Lega e mobilita partito su referendum

Roma, 31 mag. (askanews) - Incassati i risultati delle amministrative e consumati i brindisi di rito, Pier Luigi Bersani si è messo subito al lavoro per cercare di non sprecare l'effetto-voto. La strategia del segretario, secondo quanto riferisce che ci ha parlato in queste ore, poggia su due pilastri, in particolare: innanzitutto, il referendum del 12-13 giugno, che potrebbe dare un'altra botta al Governo; quindi, soprattutto, la diplomazia nei confronti della Lega, il partito-chiave per la tenuta della maggioranza. Ancora in queste ore qualche 'sherpa' ha avuto modo di sondare Roberto Maroni e non è escluso che lo stesso Bersani possa avere un colloquio con il ministro dell'Interno nei prossimi giorni. Bersani, intanto, ha messo a punto una campagna di comunicazione per il referendum e ha chiesto a Gianclaudio Bressa di riprendere in mano la bozza di riforma elettorale messa a punto lo scorso autunno, quella sul modello 'ungherese'. Una legge elettorale che prevede l'elezione di metà dei parlamentari con il collegio uninominale maggioritario a doppio turno e l'altra metà con il proporzionale. Un sistema che garantirebbe libertà di manovra e diritto di tribuna sia al 'terzo polo' che alla Lega. Ovvero proprio gli interlocutori cui si rivolge il Pd. Peraltro, Bersani è convinto che il referendum vada cavalcato. "Il Pd dovrà essere visibile", ha detto oggi in segreteria. Si attende la decisione della Cassazione nei prossimi giorni: un sì al quesito sul nucleare avrebbe un effetto-traino sul quorum. Ma, ragiona il segretario, non è escluso che anche in caso di bocciatura si inneschi una reazione nei confronti della maggioranza che ha esplicitamente dichiarato di voler affossare il referendum. Da questo punto di vista, Bersani, che oggi ha sentito tutti i leader democratici, compresi D'Alema e Veltroni, non giudica nemmeno troppo negativamente la decisione della Camera di rinviare a dopo il 20 giugno la verifica chiesta da Napolitano. La Lega, è il ragionamento di Bersani, deve "elaborare il lutto", in queste ore Umberto Bossi viene descritto ancora indeciso sul da farsi e, comunque, poco orientato a soluzioni nuove. Lasciar passare qualche settimana potrebbe favorire l'emergere di tensioni nella maggioranza e permetterebbe a chi nella Lega, come Maroni, comincia a guardare avanti.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4