lunedì 05 dicembre | 11:54
pubblicato il 31/mag/2011 21:28

Governo/ Bersani sonda la Lega e mobilita partito su referendum

Segretario rispolvera il 'modello elettorale ungherese'

Governo/ Bersani sonda la Lega e mobilita partito su referendum

Roma, 31 mag. (askanews) - Incassati i risultati delle amministrative e consumati i brindisi di rito, Pier Luigi Bersani si è messo subito al lavoro per cercare di non sprecare l'effetto-voto. La strategia del segretario, secondo quanto riferisce che ci ha parlato in queste ore, poggia su due pilastri, in particolare: innanzitutto, il referendum del 12-13 giugno, che potrebbe dare un'altra botta al Governo; quindi, soprattutto, la diplomazia nei confronti della Lega, il partito-chiave per la tenuta della maggioranza. Ancora in queste ore qualche 'sherpa' ha avuto modo di sondare Roberto Maroni e non è escluso che lo stesso Bersani possa avere un colloquio con il ministro dell'Interno nei prossimi giorni. Bersani, intanto, ha messo a punto una campagna di comunicazione per il referendum e ha chiesto a Gianclaudio Bressa di riprendere in mano la bozza di riforma elettorale messa a punto lo scorso autunno, quella sul modello 'ungherese'. Una legge elettorale che prevede l'elezione di metà dei parlamentari con il collegio uninominale maggioritario a doppio turno e l'altra metà con il proporzionale. Un sistema che garantirebbe libertà di manovra e diritto di tribuna sia al 'terzo polo' che alla Lega. Ovvero proprio gli interlocutori cui si rivolge il Pd. Peraltro, Bersani è convinto che il referendum vada cavalcato. "Il Pd dovrà essere visibile", ha detto oggi in segreteria. Si attende la decisione della Cassazione nei prossimi giorni: un sì al quesito sul nucleare avrebbe un effetto-traino sul quorum. Ma, ragiona il segretario, non è escluso che anche in caso di bocciatura si inneschi una reazione nei confronti della maggioranza che ha esplicitamente dichiarato di voler affossare il referendum. Da questo punto di vista, Bersani, che oggi ha sentito tutti i leader democratici, compresi D'Alema e Veltroni, non giudica nemmeno troppo negativamente la decisione della Camera di rinviare a dopo il 20 giugno la verifica chiesta da Napolitano. La Lega, è il ragionamento di Bersani, deve "elaborare il lutto", in queste ore Umberto Bossi viene descritto ancora indeciso sul da farsi e, comunque, poco orientato a soluzioni nuove. Lasciar passare qualche settimana potrebbe favorire l'emergere di tensioni nella maggioranza e permetterebbe a chi nella Lega, come Maroni, comincia a guardare avanti.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari