mercoledì 18 gennaio | 15:26
pubblicato il 29/mar/2013 12:00

Governo/ Bersani non molla, tensione con Napolitano

Partito nega attriti, ma segretario: Difficili altre soluzioni

Governo/ Bersani non molla, tensione con Napolitano

Roma, 29 mar. (askanews) - Il Pd è la forza che ha la maggioranza assoluta alla Camera e quella relativa al Senato, se dicono no al candidato premier del centrosinistra perché dovrebbero dire sì ad un nome non del Pd ma sostenuto comunque innanzitutto dai democratici? E perché questo governo dovrebbe essere più forte?E' questo, secondo quanto viene riferito, il senso del ragionamento fatto da Pier Luigi Bersani al Quirinale ieri sera. Non è un esplicito no al 'governo del presidente', ma un ragionamento che il leader Pd ha messo sul tavolo dopo che il capo dello Stato ha ripetuto la richiesta di 'numeri certi'. Bersani, infatti, si sarebbe detto convinto che la strada migliore da seguire sarebbe quella di andare in Aula a vedere cosa dicono le forze politiche di fronte alla sua proposta. Non solo, ma il leader Pd avrebbe fatto presente al capo dello Stato che allo stato "altre soluzioni", ovvero il governo del presidente, non sembrano più facili. Un colloquio che certo non è stato facile, anche se lo staff del segretario nega qualunque tensione. Bersani, secondo quanto si apprende, avrebbe costruito il suo percorso basandosi sulla ostilità mostrata fin qui dal Pdl e dalla Lega verso un governo istituzionale: anche Maroni e Berlusconi, sarebbe stato il ragionamento, vogliono un governo politico e non 'tecnico'. Ma un governo politico di larghe intese, avrebbe aggiunto Bersani, è impercorribile per il Pd, per tutto il Pd, anche per quelli che sarebbero pronti a sostenere un 'governo del presidente'. Del resto, avrebbe buttato là il presidente del Consiglio "non si può prescindere dalla forza che ha più voti in Parlamento". Un discorso di fronte al quale Napolitano avrebbe allora rilanciato: andare alle Camere con il quadro che si è delineato è impensabile, approfondiamo allora la posizione delle forze politiche e poi tiriamo le somme. Chiaramente, per Bersani e i suoi questo significa tenere aperta la possibilità di quadrare il cerchio per altre 48 ore, facendo nel frattempo capire al centrodestra che c'è il serio rischio che non esista un 'piano B'. Il Quirinale, invece, secondo alcune fonti parlamentari, interpreterebbe le consultazioni-lampo di oggi in maniera molto ampia: sarebbero l'occasione non solo per verificare se si riesce a far partire un governo Bersani, ma anche per testare quel 'governo del presidente' che al momento sarebbe stato oggetto di colloqui molto informali e riservati del capo dello Stato. Nel frattempo, però, cresce anche l'insofferenza del Pd: Matteo Renzi resta in rigoroso silenzio, Walter Veltroni da tempo è per un governo del presidente e anche Massimo D'Alema, raccontano, non sarebbe per niente d'accordo con l'idea di tornare subito a votare.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Terremoti
Terremoto, Boschi segue situazione. In contatto con Curcio e Errani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Trasporto su rotaia, dal 2020 si viaggerà a levitazione magnetica
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa