martedì 21 febbraio | 17:42
pubblicato il 22/dic/2011 05:10

Governo/ Bersani con Monti congela art.18 e stoppa cabina regia

Il colloquio definito "positivo"

Governo/ Bersani con Monti congela art.18 e stoppa cabina regia

Roma, 22 dic. (askanews) - Alla fine il colloquio con Mario Monti viene definito "positivo", dalle parti del Pd. Pier Luigi Bersani è andato dal presidente del Consiglio dopo giorni di polemiche sull'articolo 18 che, in realtà, erano già state disinnescate nei colloqui telefonici tra il premier e il segretario Pd. Le parole pronunciate ieri dal ministro Elsa Fornero sono la conferma che la correzione di rotta era già avvenuta prima del faccia a faccia tra Monti e Bersani e, del resto, raccontano che il presidente del Consiglio sia apparso "consapevole" delle tensioni sociali create dalla manovra in discussione al Senato e, quindi, della necessità di immaginare un percorso di riforma del mercato del lavoro che non parta da un altro tema scottante come l'articolo 18. Il che non significa che Bersani abbia chiuso la porta a qualsiasi dialogo sul contratto unico, ma più pragmaticamente che il segretario Pd ha chiesto, e pare ottenuto, che questa sia solo l'ultima voce di un complessivo progetto di riforma. Progetto che, ha precisato Bersani, deve partire dal tema degli ammortizzatori sociali per chi perde il lavoro. Bersani, secondo quanto riferito, ha insistito anche molto sull'esigenza di far ripartire la crescita: il segretario Pd ha in particolare sollecitato interventi sul fronte dell'efficienza energetica, lo sblocco del patto di stabilità per i comuni virtuosi, le liberalizzazioni, tutte, non solo quelle delle farmacie o dei tassisti. Infine, è stato affrontato il tema della cabina di regia, sul quale c'era stata una disponibilità di Berlusconi. Non serve, ha obiettato Bersani, tutto si svolge in Parlamento con la massima chiarezza e trasparenza. Il Pd, ha assicurato il segretario a Monti, conferma la propria lealtà al governo, ma chiede anche di poter agire in "trasparenza" nei confronti dei propri elettori: in altre parole "sosteniamo il governo anche se non condividiamo il 100% di quello che viene fatto. Ma dobbiamo anche poterlo spiegare ai nostri elettori che non tutto quello che viene fatto ha il nostro gradimento". Anche per questo Bersani ha ripetuto il suo no alla cabina di regia: "Non siamo una maggioranza, sosteniamo un governo di transizione". E, ha sottolineato il leader Pd, se le scelte del governo venissero concordate prima con tutti i partiti cambierebbe la natura del governo e del sostegno dei partiti, cosa che non conviene né al governo né ai partiti.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Speranza: domani non andrò alla direzione, ieri rottura nel Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia