sabato 03 dicembre | 14:59
pubblicato il 06/apr/2013 15:50

Governo: Bernini (Pdl), finalmente qualcuno nel Pd ha aperto gli occhi

Governo: Bernini (Pdl), finalmente qualcuno nel Pd ha aperto gli occhi

(ASCA) - Roma, 6 apr - ''Meglio tardi che mai. Finalmente nel Pd qualcuno che non sia Renzi ha aperto gli occhi e ammesso che l'unica strada per uscire dallo stallo e' l'accordo con il Pdl. Le parole di Franceschini sono quelle di un dirigente che si preoccupa non solo delle sorti del proprio partito, ma dell'Italia, che e' allo stremo''. Lo dichiara Anna Maria Bernini, senatrice e portavoce vicario del Pdl.

''La spirale recessiva, la pressione fiscale al 52 per cento, la disoccupazione giovanile record, il dramma sociale dei suicidi, sono la prova che la soglia del dolore e' stata ampiamente superata e che la politica, stretta dalla realta', deve dare risposte. Speriamo che anche Bersani apra gli occhi e avvii quel dialogo che il Pdl ha responsabilmente suggerito sin dall'inizio. Dobbiamo lavorare su programmi concreti e scelte istituzionali condivise. Al piu' presto'', conclude Bernini.

com-ceg/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari