sabato 10 dicembre | 19:23
pubblicato il 03/apr/2011 05:00

Governo/ Berlusconi: Vado avanti, maggioranza presto a quota 330

Bersani: non può continuare, la cosa migliore è andare votare

Governo/ Berlusconi: Vado avanti, maggioranza presto a quota 330

Roma, 3 apr. (askanews) - Alla fine anche Silvio Berlusconi è costretto ad ammettere pubblicamente che qualcosa negli ultimi giorni non è andata. Certo, senza calcare troppo la mano. Ma il premier, in collegamento telefonico con una manifestazione organizzata dal "responsabile" Domenico Scilipoti, ha accennato alle bagarre in aula e ha invitato i suoi a non cadere più nelle provocazioni dell'opposizione e a pensare soltanto "a votare". Martedì, d'altra parte, non si scherza e in calendario c'è il conflitto di attribuzione per il caso Ruby e il ddl sul processo breve. Ma Berlusconi si è detto convinto che il governo completerà la legislatura e le riforme a cominciare da quella della giustizia che è "necessaria" perché "non si pò andare avanti così". Ma da cambiare c'è anche l'archiettura costituzionale che attualmente "non è da Paese moderno", ivi compresa la Consulta. Il presidente del Consiglio, senza mai farvi cenno esplicitamente, ha scacciato anche l'ipotesi di elezioni anticipate che è tornata a circolare dopo il giro di "consultazioni" di Napolitano. La sua risposta? "Siamo vicini al traguardo dei 330 deputati". E non solo. Berlusconi punta molto su una vittoria alle imminenti elezioni per dimostrare di essere ancora saldamente in sella al netto dei suoi processi. "Sono convinto - ha assicurato - che vinceremo le amministrative". Ma dall'opposizione Bersani ha insisito a denunciare la debolezza dell'esecutivo, vedendo vicina la caduta di Berlusconi. "Potrà comprare ancora - ha detto il segretario Pd - uno o due voti, ma tutti vedono che non c'è un governo, da mesi non combinano nulla. Berlusconi confonde la governabilità con la sua sopravvivenza. Qualsiasi cosa è meglio della situazione di adesso, anche il voto". E a Walter Veltroni che ha indicato la via preferenziale di un governo di transizione per cambiare la legge elettorale, il segretario del Pd ha replicato: "Io non sono precluso a niente, noto solo che dopo la nostra proposta di un governo di transizione sono arrivati i Responsabili, che hanno in mano la situazione, questo mi fa dire che l'unica ipotesi per non stare dove siamo può essere solo quella delle elezioni".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina