mercoledì 18 gennaio | 09:24
pubblicato il 02/apr/2011 17:05

Governo/ Berlusconi: Va avanti, maggioranza presto a quota 330

Veltroni:esecutivo transizione. Bersani: non so,bene anche votare

Governo/ Berlusconi: Va avanti, maggioranza presto a  quota 330

Roma, 2 apr. (askanews) - All fine anche Silvio Berlusconi è costretto ad ammettere pubblicamente che qualcosa negli ultimi giorni non è andata. Certo, senza calcare troppo la mano. Ma il premier, in collegamento telefonico con una manifestazione organizzata dal 'responsabile' Domenico Scilipoti, ha accennato alle bagarre in aula e ha invitato i suoi a non cadere più nelle provocazioni dell'opposizione e a pensare soltanto "a votare". Martedì, d'altra parte, non si scherza e in calendario c'è il conflitto di attribuzione per il caso Ruby e il ddl sul processo breve. Ma Berlusconi si è detto convinto che il governo completerà la legislatura e le riforme a cominciare da quella della giustizia che è "necessaria" perché "non si pò andare avanti così". Ma da cambiare c'è anche l'archiettura costituzionale che attualmente "non è da Paese moderno", ivi compresa la Consulta. Il presidente del Consiglio, senza mai farvi cenno esplicitamente, ha scacciato anche l'ipotesi di elezioni anticipate che è tornata a circolare dopo il giro di 'consultazioni' di Napolitano. La sua risposta? "Siamo vicini al traguardo dei 330 deputati". E non solo. Berlusconi punta molto su una vittoria alle imminenti elezioni per dimostrare di essere ancora saldamente in sella al netto dei suoi processi. "Sono convinto - ha assicurato - che vinceremo le amministrative". Ma dall'opposizione Bersani ha insisito a denunciare la debolezza dell'esecutivo, vedendo vicina la caduta di Berlusconi. "Potrà comprare ancora - ha detto il segretario Pd- uno o due voti, ma tutti vedono che non c'è un governo, da mesi non combinano nulla. Berlusconi confonde la governabilità con la sua sopravvivenza. Qualsiasi cosa è meglio della situazione di adesso, anche il voto". E a Walter Veltroni che ha indicato la via preferenziale di un governo di transizione per cambiare la legge elettorale, il segretario del Pd ha replicato: "Io non sono precluso a niente, noto solo che dopo la nostra proposta di un governo di transizione sono arrivati i Responsabili, che hanno in mano la situazione, questo mi fa dire che l'unica ipotesi per non stare dove siamo può essere solo quella delle elezioni".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa