lunedì 05 dicembre | 03:28
pubblicato il 02/apr/2011 17:05

Governo/ Berlusconi: Va avanti, maggioranza presto a quota 330

Veltroni:esecutivo transizione. Bersani: non so,bene anche votare

Governo/ Berlusconi: Va avanti, maggioranza presto a  quota 330

Roma, 2 apr. (askanews) - All fine anche Silvio Berlusconi è costretto ad ammettere pubblicamente che qualcosa negli ultimi giorni non è andata. Certo, senza calcare troppo la mano. Ma il premier, in collegamento telefonico con una manifestazione organizzata dal 'responsabile' Domenico Scilipoti, ha accennato alle bagarre in aula e ha invitato i suoi a non cadere più nelle provocazioni dell'opposizione e a pensare soltanto "a votare". Martedì, d'altra parte, non si scherza e in calendario c'è il conflitto di attribuzione per il caso Ruby e il ddl sul processo breve. Ma Berlusconi si è detto convinto che il governo completerà la legislatura e le riforme a cominciare da quella della giustizia che è "necessaria" perché "non si pò andare avanti così". Ma da cambiare c'è anche l'archiettura costituzionale che attualmente "non è da Paese moderno", ivi compresa la Consulta. Il presidente del Consiglio, senza mai farvi cenno esplicitamente, ha scacciato anche l'ipotesi di elezioni anticipate che è tornata a circolare dopo il giro di 'consultazioni' di Napolitano. La sua risposta? "Siamo vicini al traguardo dei 330 deputati". E non solo. Berlusconi punta molto su una vittoria alle imminenti elezioni per dimostrare di essere ancora saldamente in sella al netto dei suoi processi. "Sono convinto - ha assicurato - che vinceremo le amministrative". Ma dall'opposizione Bersani ha insisito a denunciare la debolezza dell'esecutivo, vedendo vicina la caduta di Berlusconi. "Potrà comprare ancora - ha detto il segretario Pd- uno o due voti, ma tutti vedono che non c'è un governo, da mesi non combinano nulla. Berlusconi confonde la governabilità con la sua sopravvivenza. Qualsiasi cosa è meglio della situazione di adesso, anche il voto". E a Walter Veltroni che ha indicato la via preferenziale di un governo di transizione per cambiare la legge elettorale, il segretario del Pd ha replicato: "Io non sono precluso a niente, noto solo che dopo la nostra proposta di un governo di transizione sono arrivati i Responsabili, che hanno in mano la situazione, questo mi fa dire che l'unica ipotesi per non stare dove siamo può essere solo quella delle elezioni".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari