martedì 17 gennaio | 18:25
pubblicato il 02/feb/2011 20:09

Governo/ Berlusconi: Serve scossa fortissima, Pil +3-4% in 5 anni

Predisposto piano crescita, in Cdm modifica art.41 Costituzione

Governo/ Berlusconi: Serve scossa fortissima, Pil +3-4% in 5 anni

Roma, 2 feb. (askanews) - L'Italia deve tornare a crescere e per fare questo ha bisogno di una scossa, "una delle più forti" della sua storia, con l'obiettivo di far crescere il Pil di "3-4 punti in cinque anni". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Silvio, Berlusconi, in un'intervista al Tg1. "Per tornare a crescere, l'economia ha bisogno di una scossa, e per questo abbiamo predisposto un piano della crescita, che secondo noi dovrebbe dare una grande scossa, forse una delle più forti della storia italiana. L'obiettivo è l'incremento del Pil del 3-4% in 5 anni. In Consiglio dei ministri faremo la modifica dell'art.41 della Costituzione: sarà lecito intraprendere e fare tutto quello che non è vietato espressamente dalla legge senza chiedere un'infinità di autorizzazioni, come accade adesso".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa