martedì 17 gennaio | 14:32
pubblicato il 03/nov/2011 18:01

Governo/ Berlusconi perde la maggioranza assoluta alla Camera

Opposizione più dissidenti sulla carta hanno numeri per sfiducia

Governo/ Berlusconi perde la maggioranza assoluta alla Camera

Roma, 3 nov. (askanews) - Con il passaggio di Ida D'Ippolito Viale e di Alessio Bonciani dal Pdl all'Udc, Silvio Berlusconi perde la maggioranza assoluta in Aula alla Camera. Torna per intenderci sotto quota 316, cioè a quota 314, quella faticosamente raggiunta il 14 dicembre, quando l'Assemblea di Montecitorio bocciò per soli tre voti la mozione di sfiducia. Dentro quella maggioranza, però, ci sono tante zone d'ombra e, se i nomi dei cosiddetti dissidenti si traducessero in voti contrari al governo Berlusconi, il Cavaliere rischierebbe di essere sfiduciato: nei 314 deputati ci sono infatti Roberto Antonione, Isabella Bertolini, Giancarlo Pittelli e Giorgio Stracquadanio. I quattro del Pdl che, insieme a Fabio Gava e Giustina Destro che già non hanno votato la fiducia lo scorso 14 ottobre, hanno firmato la lettera degli scontenti che chiede al premier di promuovere un nuovo esecutivo. Già così la maggioranza scenderebbe a quota 310. Ma le incognite non sono finite qui: insofferenti sono pure gli ex Fli poi passati al Misto rinnovando la fiducia a Berlusconi Andrea Ronchi, Adolfo Urso, Antonio Buonfiglio, Pippo Scalia. Senza il loro voto il governo scenderebbe a quota 306, che è esattamente la quota a cui è ferma ora l'opposizione. Se gli scontenti non solo abbandonassero il premier ma entrassero nel fronte di chi intende sfiduciarlo, Berlusconi potrebbe dire addio a Palazzo Chigi. Sulla carta comunque, il pallottoliere ancora sorride al Cavaliere: la maggioranza è a quota 314 considerando 212 del Pdl (al netto di Alfonso Papa agli arresti domiciliari e di Pietro Franzoso assente per motivi di salute), 59 della Lega, 25 di Popolo e Territorio, 7 di Grande Sud il movimento di Gianfranco Miccichè. E poi dal Misto Mario Pepe, Luca Barbareschi, Aurelio Misiti, Francesco Nucara, Giancarlo Pittelli, Urso, Ronchi, Scalia, Elio Belcastro, Arturo Iannaccone e Americo Porfidia. L'opposizione è a 306: 25 di Fli, 22 di Idv, 200 del Pd, 6 Radicali, 5 Api, 2 Libdem, 4 Mpa, 3 Minoranze linguistiche, Giancarlo Giulietti e Giorgio La Malfa. Non hanno votato la fiducia del 14 ottobre scorso ma non hanno ancora mai votato contro sei deputati: Calogero Mannino, Luciano Sardelli, Antonio Buonfiglio, Santo Versace, Destro e Gava. Ma se i numeri della maggioranza scricchiolano, nemmeno quelli dell'opposizione si possono considerare sicuri: c'è sempre l'incognita dei sei deputati radicali, autosospesi dal gruppo dei democratici.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Conti pubblici
Di Maio: Renzi ha indebitato l'Italia, noi paghiamo il conto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Vola il mercato dell'auto nel 2016, crescita a due cifre per Fca
Enogastronomia
In Cina il liquore invecchia nelle canne di bambù
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda Milano, guardaroba Trussardi per l'uomo s'ispira ai tarocchi
Scienza e Innovazione
Spazio, quando Cernan disse: un sognatore tornerà sulla Luna
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa