venerdì 20 gennaio | 23:32
pubblicato il 02/feb/2011 20:15

Governo/ Berlusconi: No a patrimoniale, è un gigantesco esproprio

Problema è debito pubblico frutto anni consociativismo

Governo/ Berlusconi: No a patrimoniale, è un gigantesco esproprio

Roma, 2 feb. (askanews) - "Il nostro problema principale è il debito pubblico enorme ereditato dai governi del passato. Questo debito e' stato moltiplicato otto volte, dal 1980 al 1992, dalle vecchie forze politiche, con i comunisti in primo piano". Lo afferma al Tg1 il premier Silvio Berlusconi. "Negli anni del cosiddetto consociativismo - aggiunge - si è prodotto questo fenomeno negativo e adesso queste vecchie forze si stanno di nuovo coalizzando e hanno in mente una sola idea, sempre la stessa: tassare gli italiani. E questa volta - osserva ancora il presidente del Consiglio - lo vogliono fare con una gigantesca imposta patrimoniale sugli immobili che rappresentano un gigantesco esproprio: ma noi non consentiremo che questo avvenga".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4