domenica 22 gennaio | 14:07
pubblicato il 07/mag/2011 05:10

Governo/ Berlusconi e la doccia gelata dal Colle: Cosa insensata

Pdl ostenta sicurezza su numeri, ma preoccupa test dopo urne

Governo/ Berlusconi e la doccia gelata dal Colle: Cosa insensata

Roma, 7 mag. (askanews) - I nove nuovi sottosegretari che hanno giurato ieri mattina nelle mani del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, forse non si aspettavano che a gettare un'ombra su uno dei giorni più belli della loro vita, arrivasse nel pomeriggio una nota del Quirinale di poche ma 'chirurgiche' righe, in cui si chiede che il Parlamento si esprima sulle "novità intervenute nella maggioranza che sostiene il governo". Parole che suscitano una piccata reazione del Pdl: di voti di fiducia - è il senso della replica - ce ne sono già stati, a cominciare dal 14 dicembre. Silvio Berlusconi sarebbe semplicemente "imbufalito", anche perchè all'oscuro. Come i capigruppo del Pdl - "caduti dal pero" - in contatto con Gianni Letta prima di vergare una nota durissima contro il Quirinale. Un rapido giro di telefonate, poi la scelta di replicare a Giorgio Napolitano per quella che il Cavaliere avrebbe bollato come "una cosa insensata". Chiuso a Palazzo Grazioli, la prima reazione del presidente del Consiglio è stata di rabbia, perché una mossa del genere va "nella direzione opposta rispetto alla stabilità" tante volte auspicata, quella stabilità necessaria per affrontare temi cruciali come l'immigrazione e la vicenda libica. E dire che Berlusconi, durante il 'battesimo' dei nuovi sottosegretari, aveva scherzato, dispensato barzellette sulla Guardia di finanza, lasciato intendere che il suo cammino politico è ancora lungo: "Non lascerò fino a quando non realizzerò le riforme che ho promesso porterò avanti dopo le amministrative". Poi la doccia gelata, che provoca la durissima nota dei vertici del Pdl: "Numerosi voti di fiducia, a partire da quello della svolta del 14 dicembre, hanno chiarito il quadro politico, con ripetute verifiche nelle sedi parlamentari". Come a dire, si tratta di un richiamo fuori tempo massimo. Poi, certo, se voto dovrà essere voto sarà. Berlusconi da tempo mostra ottimismo sui numeri, "la maggioranza cresce e continuerà a farlo". E i vertici pidiellini giurano che da un eventuale passaggio parlamentare emergerà un centrodestra numericamente ancora più forte. E però la tempistica un po' preoccupa, perché l'Aula di Montecitorio si è già aggiornata al 17 maggio, dopo le amministrative. E il timore è che eventuali tensioni post voto (e appetiti di Responsabili finora esclusi) possano prendere forma e sostanza fra i banchi della maggioranza. Toccherà a Gianfranco Fini e Renato Schifani iniziare a ragionare sulle modalità del passaggio parlamentare.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4