lunedì 05 dicembre | 11:34
pubblicato il 09/giu/2011 13:26

Governo/ Berlusconi alla Camera 22 giugno, maggioranza fibrilla

Micchichè lascia Pdl: nostri voti non scontati.Traballa quota 316

Governo/ Berlusconi alla Camera 22 giugno, maggioranza fibrilla

Roma, 9 giu. (askanews) - Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi si presenterà in aula alla Camera mercoledì 22 giugno per riferire su programma e squadra del governo, nell'ambito della verifica parlamentare sul governo chiesta dal presidente della Repubblica dopo la nomina dei sottosegretari di Iniziativa Responsabile che hanno segnato una nuova articolazione della maggioranza nel governo. Lo ha stabilito oggi la Conferenza dei capigruppo della Camera presieduta dal presidente Gianfranco Fini. E' ancora incerto se la verifica si concluderà con un voto di fiducia sul governo come ha richiesto l'Italia dei Valori. La riunione di oggi ha deciso di rinviare alla prossima settimana la decisione se la verifica sarà conclusa da un voto di fiducia. Così come solo allora sarà deciso se prevedere o meno la diretta tv. Il presidente della Camera Gianfranco Fini ha fatto presente che in ogni caso non potrà essere prevista solo per dichiarazioni di voto finali e non sull'intervento del premier: dunque o tutto o niente. La calendarizzazione della data della verifica alla Camera, arriva all'indomani della inattesa doppia sconfitta di Governo e maggioranza al Senato sul ddl anticorruzione e apre due settimane cruciali per la vita del Governo Berlusconi: i referendum di domenica prossima, il raduno della Lega a Pontida domenica 19 giugno, il Cn del Pdl che dovrà ratificare la nomina di Angelino Alfano a nuovo segretario. E dentro il partito del Premier come all'interno della maggioranza nei rapporti con la Lega e con il ministro Tremonti, salito ieri al Colle da Napolitano ad illustrare la manovra da oltre 40 miliardi da realizzare quest'anno, le tensioni sono forti. Non è stata smentita l'indiscrezione di un nuovo incontro serale ieri fra i soli Bossi e Tremonti, dopo quello in notturna la sera prima anche con Berlusconi. Nel Consiglio dei ministri di oggi, oltre che su Tremonti, la manovra e la riforma fiscale, si annuncia possibile confronto-scontro con la Lega sul trasferimento al Nord dei ministeri previsto dalla pdl di iniziativa popolare su cui a Pontida inizierà la raccolta di firme che il ministro Pdl Galan ha ieri definito "puttanata intercontinentale". Mentre dal fronte interno Berlusconi ha dovuto registrare la ratifica dell'annunciato da tempo addio di Gianfranco Micchichè e di 10 deputati e 4 senatori, pronti a dare vita con lui oggi ai gruppi parlamentari di 'Forza del Sud' e domani a un vero e proprio partito: una 'Lega del Sud', controcanto al Carroccio nel centrodestra. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari