domenica 26 febbraio | 15:58
pubblicato il 21/lug/2011 09:24

Governo/ Avvenire: Dopo voto su Papa è a un passo dalla rottura

Ma manca alternativa sufficientemente condivisa,il Paese rischia

Governo/ Avvenire: Dopo voto su Papa è a un passo dalla rottura

Roma, 21 lug. (askanews) - Dopo il doppio voto a scrutinio segreto di ieri del Parlamento che ha autorizzato l'arresto del deputato Pdl Alfonso Papa e respinto la richiesta di arresti domiciliari per il senatore Pd Alberto Tedesco grazie soprattutto ai voti dei parlamentari leghisti "determinanti" in entrambi i casi con un "presente e attivissimo a Roma Roberto Maroni ed un Umberto Bossi assente", ora "è ormai evidente" che la maggioranza di Governo "si avvicina alla rottura, mentre non sembra presentarsi un'alternativa convincente e sufficientemente condivisa", seppure "formalmente il voto parlamentare non ha riguardato la fiducia al Governo". Lo scrive oggi il quotidiano della Cei 'Avvenire' in un editoriale dal titolo "Nessuna festa a Palazzo", dedicato alla tesissima e campale giornata parlamentare di ieri. "In una fase assai complessa soprattutto per le minacce a intermittenza continuano a venire dai mercati internazionali il rischio di un governo debole e rissoso e di un'opposizione divisa e barricadera - denuncia fra l'altro il quotidiano dei Vescovi italiani - si fa sempre più concreto". Mentre "il sussulto di responsabilità collettiva che aveva caratterizzato la rapidissima approvazione della manovra di stabilizzazione dei conti pubblici sembra ormai archiviato". E "la lotta politica pare ritornata alla consuetudine dello scontro e della delegittimazione reciproca, che un pò si specchia e un pò si alimenta nel distacco e addirittura nell' ostilità popolare nei confronti dell'attuale classe politica e delle stesse istituzioni". "Ora si tratta di vedere se, chiusa come si è chiusa la vicenda dei due parlamentari, si cercherà - conclude l'editoriale di 'Avvenire' firmato da Sergio Soave - di rimettere in primo piano questioni e problemi gravi che affannano Paese e cittadini o se invece la deriva autolesionistica ed autoreferenziale della politica si dimostrerà inarrestabile". E "purtroppo gli avvenimenti di queste ore non inducono all'ottimismo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech