sabato 03 dicembre | 00:06
pubblicato il 24/feb/2014 18:40

Governo: Autonomisti trentini, leali ma senza sconti

(ASCA) - Roma, 24 feb 2014 - ''Di Renzi abbiamo apprezzato l'estrema franchezza e la consapevolezza che l'Italia vada cambiata radicalmente e la sua capacita' di immedesimarsi nei tanti problemi che hanno i cittadini e le imprese.

Condividiamo gli obiettivi assai ambiziosi che si e' posto .

Riguardo le autonomie speciali, ho avuto modo, subito dopo il suo discorso programmatico, di parlare direttamente con Renzi, il quale mi ha assicurato che nella sua replica fara' un esplicito alle autonomie speciali''. Lo dichiara il senatore trentino del PATT Franco Panizza commentando il discorso programmatico del presidente del consiglio Matteo Renzi al Senato.

''Gli autonomisti trentini saranno un alleato corretto e leale, ma pretendono da Renzi e dal nuovo governo altrettanto rispetto. Le premesse - conclude Panizza - fino ad oggi sono positive. Se verranno confermate, siamo pronti a fare la nostra parte, ma non faremo alcun sconto sul rispetto delle nostre prerogative autonomistiche''. com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari