domenica 22 gennaio | 03:31
pubblicato il 03/mag/2013 15:13

Governo: ArciLesbica, nomina Biancofiore non ci fa certo ben sperare

(ASCA) - Roma, 3 mag - ''Non ci fa certo ben sperare la nomina di Biancofiore come sottosegretaria alle Pari Opportunita' che a suo tempo aveva lodato la normalita' di Berlusconi e dei suoi costumi sessuali, rispetto a chi chiede i matrimoni omosessuali. Ci auguriamo che le prospettive di avanzamento rispetto ai diritti delle persone Lgbt, che sappiamo rappresentate da alcuni esponenti dell'esecutivo non siano travolte dalle storiche e dannose pratiche politiche di compromesso al ribasso che hanno sempre fatto trionfare in Italia bigottismo, arretratezza culturale e ingiustizia''.

Cosi' in un comunicato il presidente nazionale di ArciLesbica, Paola Brandolini. ''Il 30 aprile - ha aggiunto il presidente - e' stato pubblicato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri il documento finale frutto della consultazione di associazioni LGBT, tra le quali ArciLesbica nazionale, e destinato a implementare la Raccomandazione del Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa del 2010 contro ogni forma di discriminazione delle persone LGBT. L'ente che ha guidato e finalizzato il processo di definizione della strategia e' UNAR, che rappresenta l'autorita' centrale delegata al coordinamento delle attivita' inerenti alla Strategia'' .

''Il contributo di ArciLesbica e' stato fattivo ed ha incontrato la piena adesione da parte di UNAR - ha aggiunto Luisa Bordiga, delegata dell'associazione nel Gruppo Nazionale di Lavoro LGBT - diverse le proposte suggerite, in ambito di educazione e lavoro, e significativa, nel contesto italiano, la messa a fuoco della doppia discriminazione subita dalle lesbiche (di orientamento sessuale e di genere)''. ''Questo documento rappresenta un'azione d'indirizzo importante e organica contro le discriminazioni.

Ma non deve rimanere un elenco di buoni propositi. Il neo governo deve assumersi la responsabilita' dell'attuazione delle azioni previste, e alla nuova Ministra per le Pari Opportunita' Josefa Idem chiediamo un impegno chiaro in questo senso - ha concluso Paola Brandolini - Ci auguriamo che questo governo di 'compromesso' e il Parlamento tutto non dimentichino, che il grado di sviluppo di una societa' si misura anche sul riconoscimento di uguali diritti civili per tutte e tutti'.

com-brm/mau/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4