domenica 19 febbraio | 15:47
pubblicato il 16/mag/2013 18:08

Governo: Amato, alcune misure sono alla portata. Pd? non so dove vada

(ASCA) - Torino , 16 mag - Alcune misure per rimettere in moto la crescita sono alla portata del governo che puo' aprire una strada di cui l'Italia ha un gran bisogno. Ne e' convinto Giuliano Amato che a margine della presentazione del libro scritto con Andrea Graziosi ''Grandi illusioni'', al Salone del Libro di Torino osserva: ''Il governo ha davanti un compito particolarmente difficile perche' ha una situazione di recessione in atto perche' poggia su una maggioranza la cui coesione e' tutta da mettere alla prova''.

''Tuttavia - aggiunge Amato - e' in una condizione per la quale alcune azioni possibili e necessarie per rimettere in moto il motore dello sviluppo economico sono alla sua portata. Se riesce a realizzarle e ad operare col consenso del mondo del lavoro e della impresa - prosegue Amato - apre una strada di cui l'Italia ha un gran bisogno. Nel corso della presentazione del suo libro Amato, ha messo in luce come le aspettative del paese siano le stesse di quando la crescita appariva illimitata mentre la realta' e' quella che ''ti nega anche il passaggio da un lavoro precario a un lavoro piu' stabile e dove la durezza della crisi ha bloccato i passaggi nella scala sociale''. Siamo un paese demograficamente molto diverso da quello del dopoguerra ha ricordato Amato e questo e' il nodo che rende impraticabili molte aspettative come quella che ci fa presumere che se si ha un diritto per legge, le risorse ci devono essere: ''il tasso di energia in quella societa' giovane - ha detto - era dieci volte superiore a quello che ci ritroviamo dopo''. Un accenno anche a Mario Monti ''che non si e' reso conto dell'impopolarita' che stava montando. Ha pensato che la necesita' delle sue misure fosse piu' condivisa. Io glielo dissi, ''per ora l'imu, l'hai decisa, ma quando sara' stata pagata sara' un altro conto''.

Infine, a fine presentazione, a cui hanno partecipato oltre al coautore anche Paolo Mieli e Michele Salvati, un'ammissione di incertezza sul futuro del Partito democratico: ''Dove va il Pd? Non ho una risposta a questa domanda''.

eg/red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto lascia Si: non serve partito ma nuovo centrosinistra
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Pd, fallisce nuova mediazione ma si tratta. Rischio scissione
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia