martedì 24 gennaio | 19:05
pubblicato il 03/set/2012 08:52

Governo/ Alfano: Mai alleati con chi va dietro alla Cgil

Monti può prendere impegni anche per chi verrà dopo di lui

Governo/ Alfano: Mai alleati con chi va dietro alla Cgil

Roma, 3 set. (askanews) - "Noi pensiamo che il governo possa assumere impegni anche per chi verrà dopo Monti". E alle prossime elezioni "non contempliamo l'ipotesi di pareggio e io sono convinto e auspico che alla fine vinceremo noi con Silvio Berlusconi". Insomma, niente Grande Coalizione nel 2013 e mai "in maggioranza con chi va dietro alla Cgil". Lo sancisce il segretario del Pdl, Angelino Alfano, che in una lunga intervista al Messaggero spiega la linea del suo partito sui principali temi della ripresa autunnale. Sul dopo Monti, Alfano chiarisce di aver "insistito ulteriormente" per la ricandidatura di Berlusconi e auspica di trovare un'intesa "rapidissima" per la riforma della legge elettorale. "Pensiamo anche - precisa - che su alcune questioni, come il consistente premio da attribuire al primo partito, si possa trovare un accordo". Quello su cui bisogna essere chiari, però, sono le alleanze: con la Lega il Pdl governa "in tante regioni", mentre "Casini ha fatto nella sostanza una scelta che lo porta a sinistra". "Noi gareggiamo per vincere", aggiunge il segretario, sostenendo che "si deve dire con chiarezza che a sinistra c'è chi accetta un'alleanza dove il peso decisivo sulle questioni economiche ce l'hanno la Cgil e le posizioni più massimaliste della sinistra antimercato e antimpresa". Detto questo, Alfano spiega poi che, al di là delle competizioni elettorali, l'Italia deve cercare di farcela da sola, perchè "i mercati chiedono stabilità per il futuro". Del resto, il segretario si dice convinto di essere alla "vigilia di un autunno di montagne russe sia per l'Italia che per l'Europa" e per questo schiera il suo partito dalla parte di chi vuole "proporre". "Abbiamo presentato - dice - un nostro contributo teso alla riduzione del nostro debito pubblico con una quota di patrimonio pubblico che non va venduto o svenduto, ma valorizzato". Il tutto, con l'obiettivo di far calare lo spread e ridurre le tasse, "unico modo" per far ripartire fiducia e consumi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
Governo
A P.Chigi summit Gentiloni e ministri su sicurezza-immigrazione
L.elettorale
Partiti attendono Consulta su Italicum. Già divisi sul day-after
M5s
Grillo a eletti M5s: siete portavoce, linea la decidono iscritti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4