mercoledì 22 febbraio | 05:26
pubblicato il 26/nov/2013 18:49

Governo: Alfano, FI vuole sabotarlo, legge stabilita' e' una scusa

Governo: Alfano, FI vuole sabotarlo, legge stabilita' e' una scusa

(ASCA) - Roma, 26 nov - ''Avevamo visto giusto, avevamo visto lontano. Sapevamo che sarebbe finita cosi' e adesso siamo alla cronaca di un evento ampiamente annunciato''. Lo afferma il leader del Nuovo centrodestra Angelino Alfano commentando l'uscita di Forza Italia dalla maggioranza. ''Avevamo detto e ripetiamo che e' sbagliato sabotare il governo e portare il paese al voto, per di piu' con questa legge elettorale, a seguito della decadenza del presidente Berlusconi, decadenza che consideriamo del tutto ingiusta'', aggiunge il vicepremier.

''La legge di stabilita' che comunque non aumenta le tasse ed e' ancora migliorabile alla Camera, pero', e' diventata una scusa, un pretesto che non regge di fronte alla difficolta' di un paese che ha bisogno di buongoverno e non - conclude Alfano - del buio di una crisi senza sbocco e senza prospettive. Noi dunque continueremo a lavorare per l'Italia''.

ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia