mercoledì 07 dicembre | 17:27
pubblicato il 02/dic/2013 09:00

Governo: Alfano a Renzi, non abbiamo paura del voto

Governo: Alfano a Renzi, non abbiamo paura del voto

(ASCA) - Roma, 2 dic - Matteo Renzi ''vuole prendersi la sedia di Letta''. E' quello che pensa il leader dei Nuovo centrodestra, Angelino Alfano, vicepresidente del Consiglio, intervistato dal quotidiano 'La Repubblica', durante la quale aggiunge: ''Non abbiamo paura di andare a votare anche prima.

Decida lui se assumersi la responsabilita' di far cadere il presidente del consiglio del suo partito''.

''C'e' un dato che resta strutturale e che Renzi non deve dimenticare - aggiunge Alfano - noi siamo determinanti.

Era cosi' 15 giorni fa e lo e' anche adesso. Quindi chiediamo un contratto di governo, Italia 2014, per dire senza giri di parole che deve durare un anno e che deve contenere alcune questioni ineludibili''. ''Siamo decisivi per il futuro del centrodestra'', prosegue Alfano, il quale su di un eventuale rimpasto di governo afferma: ''Non e' un tema che ci appassiona.

Valuteremo tutti insieme''. sgr/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi e Pd pronti a governo istituzionale: ma con numeri larghi
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Governo
Mattarella frena corsa al voto,prima sistema elettorale uniforme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni