venerdì 24 febbraio | 07:56
pubblicato il 17/gen/2014 12:00

Governo: a Gioia Tauro già 3mila container con stesse sostanze -2-

Governo: a Gioia Tauro già 3mila container con stesse sostanze -2-

Roma, 17 gen. (askanews) - Negli anni 2012-2013 il porto di Gioia Tauro ha movimentato "3.048 container contenenti sostanze tossiche 6.1, per un totale di 60.168 tonnellate". Sostanze "trattate in via ordinaria" e che appartendono alla stessa "classe 6.1" di quelle contenute nel carico proveniente dalla Siria. Lo ha precisato Palazzo Chigi in una nota, nella quale ribadisce che le operazioni di trasbordo nella struttura avverranno in condizioni di massima sicurezza. In particolare, nel porto calabrese sono state trasbordate da nave a nave nel 2012 28.075 tonnellate e 29.802 tonnellate nel 2013; sono state sbarcate 817 tonnellate nel 2012 e 827 tonnellate nel 2013; sono state imbarcate 264 tonnellate nel 2012 e 382 tonnellate nel 2013. "Il carico da trasbordare da nave e nave senza sbarco a terra e senza stoccaggio - precisa la nota del governo - è costituito da circa 60 contenitori da 20 piedi contenenti merci pericolose appartenenti alla classe 6.1 (materie tossiche), classificazione in base al codice internazionale relativo al trasporto di merci pericolose adottato dall'Organizzazione marittima internazionale. Si tratta quindi di materiale appartenente alla medesima classe 6.1 di materia tossiche trattate in via ordinaria nel porto di Gioia Tauro".Roma, 17 gen. (askanews) - "Le navi impiegate - spiega ancora Palazzo Chigi - sono un'unità danese che può movimentare il carico sia ro/ro (roll on - roll off) che lo/lo (lif on - lift off) e una unità americana che può imbarcare solo rotabili (ro-ro). La nave danese Ark Futura lunga 183,1 metri e larga 25,2 metri ha un pescaggio di 7,35 metri e 5 può sbarcare a mezzo gru di terra e/o a mezzo rotabili (mafi/truck) tramite rampe situate lateralmente e a poppa. Le rampe, sia poppiera che laterale, sono lunghe 15,5 metri (incluso il flap che ha una lunghezza di 3 metri). La rampa poppiera è larga 13,33 metri, mentre quella laterale 7 metri". "La nave U.S. Cape Ray, lunga 197,5 metri e larga 32,2 metri, ha un pescaggio di 10,05 metri e può caricare solo a mezzo rampa poppiera orientabile fino a 33 (rampa orientabile 'al quarto'). La rampa, lunga 44 metri e larga 7,3, essendo orientabile permette alla nave di poter ormeggiare, oltre che con poppa in radice, anche con lato dritto o con lato sinistro a banchina". "Le navi - precisa la presidenza del Consiglio - ormeggeranno alla banchina del MCT (Medcenter Container Terminal) di Gioia Tauro lunga 3.145 metri e con un pescaggio medio di 15,5 metri. Il terminale MCT è dotato di strutture sia fisse che mobili: 22 gru di banchina su rotaia, 1 gru su gomma gottwald, 90 straddle carrier, 3 reach stacker, 6 empty handler, 4 multitrailer (motrici + trenini), 7 ralle (motrice+trailer sia normali che mafi). Il terminalista ha confermato la possibilità di impiegare almeno due forklift da 40t adatti ad operare a bordo di navi. Il terminal è raggiungibile, per eventuali esigenze logistiche, attraverso la SS 18 e l'autostrada A3, senza interferire con la città".Roma, 17 gen. (askanews) - "La scelta del porto di Gioia Tauro è stata operata, oltre che per le sue caratteristiche, anche in virtù - spiega ancora Palazzo Chigi - delle informazioni e delle indicazioni fornite dal Comandante del porto circa la fattibilità tecnica dell'operazione. La scelta ha tenuto conto anche del fatto che il porto di Gioia Tauro attualmente già svolge attività di trashipment di merci pericolose classificate 6.1. Come si è detto, infatti, negli anni 2012-2013 il porto di Gioia Tauro ha movimentato 3.048 container contenenti sostanze tossiche 6.1, per un totale di 60.168 tonnellate". "Il carico in arrivo dalla Siria, circa 60 container per un peso di circa 560 tonnellate, (la quantificazione precisa sarà possibile solo dopo la comunicazione da parte della nave danese che ancora deve ultimare il carico) può essere trasbordato sulla nave americana in un tempo stimato dalle 10 alle 24 ore". "La sicurezza per sostanze tossiche 6.1 - puntualizza il governo - è data dal sistema di packaging che avviene nell'assoluto rispetto delle norme internazionali in materia. Nel caso specifico il packaging viene effettuato da personale siriano addestrato all'uopo in Libano da funzionari dell'Opac (Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche) che ne ha certificato la preparazione. Ispettori internazionali (non siriani) dell'Organizzazione vigileranno sulle procedure di packaging che prevedono tre strati di imballaggio. Una volta imballate le sostanze verranno caricate in appositi container totalmente stagni (come previsto dalla normativa internazionale). Prima del carico sulla nave danese è previsto il controllo da parte del Comandante delle certificazioni rilasciate dall'Opac, la quale ha assicurato una costante vigilanza nel corso delle navigazione per verificare l'insussistenza di fuoriuscita di sostanze". "Nel porto di Gioia Tauro sarà, ovviamente, assicurata la necessaria vigilanza di security, sia lato terra che lato mare, per tutta la durata delle operazioni", garantisce Palazzo Chigi. "Ispettori internazionali dell'Opac, con tecnici del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e funzionari del Ministero degli Affari esteri, nonché con rappresentanti danesi e americani faranno prossimamente un sopralluogo nel porto di Gioia Tauro", conclude.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Pd
Renzi: in California cerco idee anti-populisti
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech