venerdì 24 febbraio | 11:40
pubblicato il 26/giu/2013 13:14

Google: editori europei chiedono intervento a Commissione

Google: editori europei chiedono intervento a Commissione

(ASCA) - Roma, 26 giu - Con un' azione congiunta di coordinamento e di collaborazione senza precedenti, centinaia dei maggiori editori europei di giornali quotidiani e periodici e le loro associazioni di categoria a livello europeo e nazionale hanno predisposto un documento comune che evidenzia i limiti e le criticita' degli impegni proposti da Google, chiedendone l'immediato rigetto e ribadendo la necessita' dell'adozione di uno Statement of Objections, passo necessario per il proseguimento dell'indagine europea.

E' quanto si legge in una nota diffusa dalla Fieg, federazione italiana editori giornali, in cui si spiega che il 25 aprile scorso, Google ha presentato una serie di remedies che la commissione europea ha sottoposto al 'market test', cioe' alla valutazione e alla raccolta di osservazioni e commenti da parte dei soggetti interessati. Le associazioni tedesche degli editori di quotidiani (Bdzv) e di periodici (Voz) - con il supporto delle associazioni europee di categoria (Enpa, Emma, Epc ed Opa) e di 18 associazioni nazionali (tra cui, per l'Italia, la Fieg) - hanno inviato al vice presidente della Commissione europea e Commissario Ue per la Concorrenza, Joaquin Almunia, un documento in cui viene evidenziato il punto di vista degli editori europei sulle proposte presentate da Google al fine di bloccare la procedura di abuso di posizione dominante aperta in sede UE.

''Esprimo apprezzamento per lo spirito di collaborazione tra gli editori europei e fiducia nel sollecito intervento delle istituzioni europee'': cosi' Giulio Anselmi, presidente Fieg ha commentato la presentazione del documento comune degli editori europei, che rappresenta anche la posizione degli editori italiani di quotidiani e periodici. ''Se Google non presentera' al piu' presto proposte sostanzialmente migliorative, gli editori europei chiedono che la Commissione utilizzi tutti i poteri legali, compreso un immediato Statement of Objections che preveda rimedi efficaci. Una ricerca equa e non discriminatoria realizzata con criteri imparziali nei confronti di tutti i siti web e' prerequisito essenziale per lo sviluppo dei media e delle tecnologie a livello europeo''.

red/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Pd
Orlando in campo a primarie Pd: mi candido, serve responsabilità
Pd
Nel Pd braccio di ferro su data primarie, Orlando in campo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Astrofisica, indizi di materia oscura nel cuore di Andromeda?
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech