mercoledì 18 gennaio | 11:44
pubblicato il 18/ago/2011 12:33

Gmg/ Papa: Preoccupa la precarietà del lavoro per i giovani

"Spesso giovani perseguitati e non liberi professare loro fede"

Gmg/ Papa: Preoccupa la precarietà del lavoro per i giovani

Madrid, 18 ago. (askanews) - Nel mondo di oggi "non mancano difficoltà". Ci sono "scontri anche con spargimento di sangue", attentati "all'altissimo valore della persona umana", non sempre "si rispetta l'ambiente e la natura". I giovani "guardano con preoccupazione al futuro di fronte alla difficoltà di trovare un lavoro degno". Altri "hanno bisogno di essere messi in guardia per non cadere nella rete della droga". Il Papa parla a 360 gradi nel suo primo discorso ufficiale in terra spagnola, dove si trova per partecipare alla XXVI Giornata Mondiale della Gioventù, e tocca i temi più caldi. "Sussistono tensioni e scontri aperti in tanti luoghi del mondo - dice Joseph Ratzinger - anche con spargimento di sangue. La giustizia e l'altissimo valore della persona umana si sottomettono facilmente a interessi egoisti, materiali e ideologici. Non sempre si rispetta, come si deve l'ambiente e a natura, che Dio ha creato con tanto amore". Nelle preoccupazioni di Papa Benedetto XVI ci sono anche le condizioni di precarietà lavorativa per molti giovani, la droga, le persecuzioni dei cristiani. "Molti giovani - afferma - guardano con preoccupazione al futuro di fronte alla difficoltà di trovare un lavoro degno, o perché l'hanno perduto o perché precario e insicuro. Altri hanno bisogno di essere messi in guardia per non cadere nella rete della droga, o di avere un'assistenza efficace, se, purtroppo, vi fossero caduti. Non pochi, a causa della loro fede in Cristo, soffrono in se stessi la discriminazione, che arriva al disprezzo e alla persecuzione aperta od occulta che patiscono in determinate regioni e paesi. Li si perseguita volendo allontanarli da Lui, privandoli dei segni della sua presenza nella vita pubblica, e mettendo a tacere perfino il suo santo Nome". E' pronta e immediata la risposta del Papa: "Invece io mi accingo a dire ai giovani, con tutta la forza del mio cuore: che niente e nessuno vi tolga la pace; non vergognatevi del Signore. Egli non ha avuto riserve nel farsi uno come noi e sperimentare le nostre angustie per portarle a Dio, e così ci ha salvato".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa