domenica 22 gennaio | 03:17
pubblicato il 25/lug/2013 12:00

Gmg/ Papa: Il carrierismo nella Chiesa fa tanto male

Messa mattutina a Rio come a Santa Marta, invita seminarisi

Gmg/ Papa: Il carrierismo nella Chiesa fa tanto male

Roma, 25 lug. (askanews) - Per un giorno, la cappella grande della residenza arcivescovile di Sumaré, dove Papa Francesco alloggia in questi giorni in Brasile, ha sostituito l'ormai celebre cappella di Casa Santa Marta. Alle 7.30, ora di Rio, il Papa ha celebrato la messa davanti a 300 persone. Invitati tutti i seminaristi di Rio de Janeiro dei Seminari Maggiore, Propedeutico e Redemptoris Mater, accompagnati dai loro formatori. All'omelia, il Papa è tornato sul contrasto tra l'umiltà richiesta all'uomo di fede e la debolezza che talvolta spinge a ricercare, anche nella Chiesa, carriera e prestigio, affermando che "il carrierismo nella Chiesa che fa tanto male". La tentazione di barare con se stessi si annida anche in tanti cristiani. La tentazione è quella di credersi migliori di ciò che si è, anche davanti a Dio, anche se una certa scelta di vita imporrebbe uno stile di umiltà. Nello sviluppare la sua meditazione, Papa Francesco - a quanto riporta 'Radio vaticana' - collega le due letture della Messa, che celebra la solennità dell'Apostolo Giacomo. La prima è il brano della lettera nella quale Paolo scrive ai cristiani di Corinto affermando: "Abbiamo un tesoro in vasi di creta". Il tesoro, spiega Papa Francesco, "è la rivelazione di Dio in Gesù Cristo" che Paolo cerca di spiegare sottolineando la "tensione" che esiste "tra la grandezza del regalo" e la "bassezza di chi lo riceve". Ovvero, la natura umana, fragile vaso di creta in cui Dio ha riversato un indicibile "Mistero": "E per tutti noi, consacrati, religiosi, sacerdoti, vescovi, questo è un denominatore comune: abbiamo ricevuto un regalo e tutti siamo vasi di creta. Il problema è come portare avanti questa tensione: sempre perde l'equilibrio. Lungo la storia della Chiesa appaiono uomini e donne che ricevono il dono, sanno che sono di creta, ma nell'arco della vita si entusiasmano in modo tale che si dimenticano di essere di creta o si dimenticano che il dono è un dono grande. Allora questa tensione perde l'equilibrio che ci fa tanto bene". (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4