giovedì 23 febbraio | 17:50
pubblicato il 31/mar/2011 09:43

Giustizia/Nuovo sit in in piazza Montecitorio durante lavori aula

Riprende protesta. Verso mobilitazione nazionale il 16 Aprile

Giustizia/Nuovo sit in in piazza Montecitorio durante lavori aula

Roma, 31 mar. (askanews) - Nuova manifestazione di protesta contro la prescrizione abbrevviata contenuta nella proposta di legge di maggioranza sul processo breve questa mattina a partire dalle 10, in concomitanza con la ripresa dell'esame del provveimento da parte dell'assemblea di Montecitorio. I lavori erano stati sospesi ieri, dopo la bagarre in aula e in piazza, conditi da insulti fra istituizioni dentro il palazzo e lancio di monetine a parlamentari e membri del governo al di fuori. La nuova mobilitazione di piazza contro quella che l'opposizione definisce "nuova legge ad personam pro Berlusconi" perchè avrà affetti immediati almeno sul processo Mills nei confronti del Premier, è promossa anche oggi dal coordinamento del movimento viola,. "La mobilitazione non finisce qui. Da oggi alle 10 - ha scruitto sul proprio blog uno dei coordinatori viola, Gianfranco Mascia- saremo davanti a Montecitorio in una mobilitazione permanente fino a quando il decreto legge sulla prescrizione breve sarà alla Camera dei Deputati. Poi ci sposteremo al Senato. In questo momento - decisivo per le regole democratiche del nostro Paese - è fondamentale che ciascuno faccia la sua parte". Mascia preannuncia anche "una grande mobilitazione di unità e resistenza, da mettere in cantiere quanto prima tutti insieme: partiti, movimenti, sindacati e società civile.", ipotizzando la data del 16 aprile. "Non è tanto, o forse non solo, ha detto ancora Mascia- perché La Russa è un ex 'fascista con la bava alla bocc' che sembra abbia ristrutturato l'appartamento dove viveva Mussolini, oppure perché è il ministro della Guerra italiano, ieri lo abbiamo contestato semplicemente per un motivo: sta appoggiando e convive con questo presidente del Consiglio che continua a farci vergognare di essere italiani. Anche io, come tanti altri cittadini presenti al presidio di Montecitorio, l'ho contestato e ho partecipato al lancio di monetine. L'ho fatto e lo rivendico, perché in questo momento è necessario metter in campo anche questi gesti simbolici e tutte le azioni che costringano i membri della maggioranza a prendersi le loro responsabilità". "Certo - ha concluso il blogger - il clima era simile a quello Raphael che ha visto nel 1993 protagonista Carxi. Con una differenza sostanziale: mentre allora l'obiettivo era il principale protagonista dello sfascio dell'Italia degli anni '80, ieri è stata colpita una comparsa, punito proprio per la sua accondiscendenza con il tentativo golpistico di Berlusconi."

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Pd
Renzi: in California cerco idee anti-populisti
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Pd
Anche Orlando in corsa per le primarie Pd, domani l'annuncio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech