venerdì 20 gennaio | 09:14
pubblicato il 02/mar/2011 20:43

Giustizia/Alfano: Con Lega allo studio articolo 106 Costituzione

Magistrati eletti dal popolo? "Lavoriamo a testo condiviso"

Giustizia/Alfano: Con Lega allo studio articolo 106 Costituzione

Roma, 2 mar. (askanews) - Il Governo e il Pdl stanno discutendo di riforma costituzionale anche con la Lega: lo ha ribadito il ministro della Guistizia Angelino Alfano, concversando con i cronisti alla Camera al termine della riunione della Consulta giustizia del Pdl, dedicata appunto al tema della riforma. A chi gli ha chiesto se nella bozza alla quale sta lavorando ci sia un'apertura al tradizionale cavallo di battaglia della Lega nord sui magistrati eletti dal popolo, Alfano ha risposto: "Con la Lega abbiamo avuto incontri molto fecondi e positivi. Con la Lega in sostanza è condiviso l'impianto di fondo della riforma, che si basa sulla separazione delle carriere, sulla parità fra accusa e difesa, su una giustizia disciplinare che non sia una giustizia domestica, su una architettura del processo che riaffermi l'effettività del primato del giudice". Tornando alle tradizionali proposte leghiste, Alfano ha aggiunto: "Siamo aperti ai suggerimenti della Lega, stiamo lavorando sull'articolo 106 della Costituzione, che contempla le modalità con cui il popolo partecipa all'amministrazione della giustizia. Stiamo lavorando a un testo che possa essere ampiamente condiviso nella coalizione". L'articolo 106 della Costituzione è quello che stabilisce che i magistrati vengono nominati per concorso. Al secondo comma, tuttavia, precisa: "La legge sull'ordinamento giudiziario può ammettere la nomina, anche elettiva, di magistrati onorari per tutte le funzioni attribuite a giudici singoli". Sarebbe questa, quindi, stando alle parole del ministro, la norma che potrebbe essere oggetto di una intesa con la Lega, magari attraverso un allargamento delle funzioni di questa magistratura 'onoraria' e una nuova disciplina delle modalità di nomina "anche elettiva", come recita la Carta. Il Consiglio dei ministri straordinario che dovrà varare la riforma costituzionale della giustizia potrebbe essere convocato per la prossima settimana: "Credo di sì", ha risposto il ministro Angelino Alfano ai cronisti che gliene chiedevano conferma al termine della riunione della Consulta giustizia del Pdl a Montecitorio. "Penso - ha aggiunto - che nel Consiglio dei ministri di domani darò comunicazione sugli sviluppi che ci sono stati dall'ultima seduta e credo che domani sarà individuata la data per il Cdm straordinario".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Terremoto, Salvini: il trombato Errani commissario è demenziale
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Terremoti
Terremoto, Gentiloni presiede a Rieti vertice Protezione Civile
Terremoti
Terremoto, Salvini in Abruzzo: chiedo a Gentiloni 100mln di euro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale