venerdì 09 dicembre | 08:43
pubblicato il 07/ago/2013 09:53

Giustizia: Vietti, politica debole delega a magistratura

Giustizia: Vietti, politica debole delega a magistratura

(ASCA) - Roma, 7 ago ''Non c'e' dubbio che la politica e', allo stato, un potere debole e la magistratura, in confronto, gode di miglior salute. Ma quest'ultimo non e' un dato ne' negativo ne' scontato in un Paese in cui i magistrati debbono fronteggiare una criminalita' comune e organizzata tra le piu' agguerrite e una domanda di giustizia tra le piu' elevate d'Europa. C'e' del merito, non della casualita' in questo. Per altro e' la politica 'debole' che delega alla magistratura la soluzione di molti problemi socio-economici che non sa risolvere''. Cosi' inizia la lettera inviata al Corriere della Sera dal vicepresidente del Csm, Michele Vietti, in risposta ad un editoriale di Angelo Panebianco che ieri aveva definito la riforma della giustizia ''la piu' difficile''.

''Certo - argomenta Vietti nella missiva - ogni corporazione non ama le riforme che la riguardano. Ma tra il 2006 e il 2007 due diversi governi sorretti da opposte maggioranze hanno profondamente riformato l'ordinamento giudiziario, tra l'altro, proprio sui criteri di reclutamento e le promozioni che evoca Panebianco. Forse conviene intanto applicarli senza debolezze e il Csm e' impegnato a farlo, non senza contrasti che vedono paradossalmente invertite le posizioni 'correntizie' interne rispetto alle posizioni politiche esterne''. ''Quanto alla separazione delle carriere, al ruolo del pm, all'obbligatorieta' dell'azione penale e al funzionamento del Csm che Panebianco definisce i 'nodi di fondo', non c'e' accordo non nella magistratura ma nella politica, nell'accademia e nel foro sulla loro rilevanza e soluzione. Gia' oggi grazie alle incompatibilita' e' difficile e poco praticato cambiar carriera. Non credo - spiega Vietti - che una falange di pm a vita, autoreferenziale e non dipendente dall'esecutivo, tranquillizzerebbe chi ne lamenta gli eccessi''. Secondo Vietti ''sarebbe opportuno chiarirsi le idee su cosa si intenda per 'riforma della giustizia', dato che ciascuno vi attribuisce un significato diverso. Se anche si facessero interventi per introdurre 'un po' di efficienza' come dice Panebianco, credo sarebbero benvenuti per il cittadino, piu' interessato a una risposta celere e prevedibile che non alle fumisterie dei rapporti di forza tra i poteri. I 'giuristi puri', sono tali non perche' astratti ma perche' soggetti solo alla legge. Quella legge che scrive la politica''. In un 'post scriptum' Vietti aggiunge ''cosa diversa e' valutare l'impatto delle proprie dichiarazioni: se proprio non si possono evitare in generale, occorre evitarle sempre sui propri processi''.

brm/lus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni