mercoledì 07 dicembre | 19:17
pubblicato il 18/mag/2012 21:00

Giustizia/ Severino vede Napolitano. Prosegue scontro Pd-Pdl

Bersani: "Da loro rischi per il Governo"

Giustizia/ Severino vede Napolitano. Prosegue scontro Pd-Pdl

Roma, 18 mag. (askanews) - Mezz'ora di faccia a faccia imprevisto nei locali della scuola della Polizia penitenziaria alla periferia di Roma: al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e al ministro della Giustizia Paola Severino non sono mancati certamente gli argomenti di conversazione, dopo la settimana nera della giustizia che ha visto le dimissioni del sottosegretario (indagato) Andrea Zoppini e la spaccatura della maggioranza alla Camera su corruzione e falso in bilancio. Ufficialmente si è parlato solo di carceri, dei dati numerici che indicano una prima, lieve inversione di tendenza nel sovraffollamento. Dati, ha detto la guardasigilli, "che hanno colpito molto il presidente: sono un primo segnale di grande incoraggiamento". Ma la sostituzione di Zoppini è un'urgenza, che sarà risolta con ogni probabilità al rientro in Italia di Mario Monti, probabilmente già venerdì prossimo al Consiglio dei ministri: non sono pochi i provvedimenti in cammino sia alla Camera sia al Senato, e non se ne può occupare da solo il sottosegretario superstite Salvatore Mazzamuto. Il quale peraltro, preso di mira oggi da un nuovo editoriale del Fatto quotidiano per l'episodio del parere favorevole sull'emendamento Pdl che 'svuota' la proposta Idv di ripristino del falso in bilancio, fa sapere di non aver ancora avuto un chiarimento con il ministro, che vedrà probabilmente lunedì. "Per me - ha spiegato al telefono - il caso è tecnicamente chiaro nei termini che ho espresso (quando ha affermato che la scheda sui pareri non era chiara, ndr) e politicamente concluso". Ma la tensione rimane, ed è un'altra grana per il ministro, anche perché il capo dell'ufficio legislativo Augusta Iannini ha ribadito oggi, in una lettera al Fatto, che "deve essere chiaro una volta per tutte che l'ufficio legislativo non ha scritto una sillaba in difformità con quanto concordato con il ministro". Dopo lo scontro alla Camera sul ddl anticorruzione le posizioni del Pd e del Pdl restano lontane. All'accusa lanciata da Angelino Alfano di una trappola dei democratici contro il Governo, ha replicato Pier Luigi Bersani: "Loro - ha commentato - fanno correre rischi al Governo, perché producono tattiche dilatorie su iniziative proposte dal Governo. Gli abbiamo dimostrato che non scherziamo su questi provvedimenti". Ma dal Pdl del Senato avvertono: saremo "determinati e intransigenti" sulla responsabilità civile dei magistrati, "già approvata alla Camera". Per gli azzurri le partite sulla giustizia in Parlamento vanno giocate insieme. E tutte insieme potrebbero saltare. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Governo
Mattarella frena corsa al voto,prima sistema elettorale uniforme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni