domenica 11 dicembre | 03:48
pubblicato il 07/lug/2012 05:10

Giustizia/ Severino taglia 37 Tribunali e dice: No a mercatino

E Napolitano chiede soluzione equilibrata su responsabilità toghe

Giustizia/ Severino taglia 37 Tribunali e dice: No a mercatino

Roma, 7 lug. (askanews) - Partita chiusa: 37 Tribunali, 38 Procure, 220 sedi distaccate e 674 uffici del giudice di pace saranno cancellati dal Governo. Si chiuderanno quasi mille edifici, il risparmio stimato è di circa 50 milioni in tre anni; diecimila persone fra giudici, pm, magistrati onorari e personale amministrativo saranno spostate per avere "maggiore efficienza" e per cancellare gli "sprechi" e i "rami secchi". Quasi a contrastare l'immagine di solitudine politica proiettata dalla sua solitaria conferenza stampa a palazzo Chigi, il ministro della Giustizia Paola Severino ha sottolineato di aver chiesto e ottenuto la massima condivisione dell'intero Governo sul decreto legislativo che dovrebbe chiudere il percorso del riordino della geografia giudiziaria: una riforma "epocale" l'ha definita, sulla quale manca solo il parere non vincolante di Csm e commissioni parlamentari. E nel pomeriggio di ieri è salita al Quirinale a raccogliere l'apprezzamento del presidente della Repubblica per la riforma. Giorgio Napolitano, dicono dal Colle, insieme ai vari temi aperti in Parlamento in materia di giustizia e durata dei processi, ha discusso con la guardasigilli in particolare il tema della responsabilità civile dei magistrati e della necessità di trovare una soluzione equilibrata sulla questione. In mattinata Napolitano aveva ricevuto anche il vicepresidente del Csm Michele Vietti, che gli ha rappresentato i termini della discussione che c'era stata sullo stesso tema, nell'organo di autogoverno. Sul taglio dei Tribunali la protesta monta da avvocati, sindacati del personale, parlamentari e comunità locali: ma la guardasigilli sembra intenzionata a non farsi condizionare. Ha attaccato gli avvocati per lo sciopero proclamato "prima di sapere quali uffici sarebbero stati tagliati" e ha annunciato che convincerà la maggioranza parlamentare "con i numeri". Accetterà, ha detto, solo "suggerimenti costruttivi e oggettivi, non critici, non demolitivi" e che non siano ispirati al "localismo". Modifiche sono sempre possibili, "ma ne dobbiamo discutere non nel chiuso di una stanza". Dopo le riunioni riservate e non risolutive dei giorni scorsi, quindi, porta chiusa a parlamentari e partiti. E chiunque voglia cambiare qualcosa deve pensare a "criteri trasparenti, motivati e motivabili" per proporre eventuali modifiche, "perché non si possa pensare - ha sottolineato - che si è aperto un mercatino dei Tribunali. Ogni ulteriore valutazione sarà fatta sotto gli occhi di tutti". Di fatto questo significa che la partita è chiusa, perché ogni eccezione singola, ha spiegato Severino, trascinerebbe con sé altre sette o otto eccezioni, rendendo vano ogni intervento. Non a caso nei giorni scorsi, in un estremo tentativo di frenare il Governo, dalla maggioranza era arrivato il suggerimento di un decreto legge per cambiare la delega o procrastinarne la scadenza.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina