mercoledì 07 dicembre | 10:05
pubblicato il 25/mag/2012 14:40

Giustizia/ Severino intitola a Falcone 'Parlamentino' ministero

La ministro: Rimanga impresso monito di libertà e indipendenza

Giustizia/ Severino intitola a Falcone 'Parlamentino' ministero

Roma, 25 mag. (askanews) - E' da oggi intitolata a Giovanni Falcone una delle più prestigiose sale del ministero della Giustizia, sede in passato delle adunanze del Consiglio superiore della magistratura ed ora del Consiglio nazionale forense. Con una cerimonia che si è svolta stamane nel cortile del palazzo di Via Arenula, la ministro della Giustizia Paola Severino ha voluto rendere onore a Falcone, "uomo delle istituzioni e magistrato del ministero, perché - ha sottolineato il Guardasigilli - rimanga impresso, ora e sempre, il suo monito di libertà ed indipendenza, quale vero e unico baluardo nella lotta di riscatto della società civile". Alla cerimonia hanno partecipato il primo presidente della Corte di Cassazione Ernesto Lupo, il presidente e il procuratore generale della Corte d'Appello di Roma, Giorgio Santacroce e Luigi Ciampoli, il procuratore della Repubblica di Roma Giuseppe Pignatone, il Consigliere del Presidente della Repubblica per gli Affari dell'Amministrazione della Giustizia Loris D'Ambrosio, il segretario generale del Csm Carlo Visconti, l'ex ministro della Giustizia Luigi Scotti, il presidente dell'Associazione nazionale magistrati Rodolfo Sabelli, nonché i capi dipartimento attualmente in servizio al ministero e molti magistrati che avevano conosciuto Falcone o lavorato al suo fianco. "Falcone - ha sottolineato Severino nel corso del suo intervento del quale in allegato si riporta la versione integrale - era uno "straordinario magistrato" che "aveva dell'ordine giudiziario una visione molto seria, profondamente istituzionale", incentrata sull'"indipendenza dagli altri centri di potere". Ed infatti - ha fatto notare il Guardasigilli - "nonostante certi attacchi indiscriminati, soprattutto nel momento in cui accettò di ricoprire l'incarico di Direttore Generale degli Affari Penali del ministero, continuò nella sua azione di contrasto al crimine organizzato, con impegno costante e perseverante, senza curarsi di polemiche eccessive e pretestuose".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi vuole dalla direzione l'ok del Pd a elezioni anticipate
Governo
Renzi e Pd pronti a governo istituzionale: ma con numeri larghi
Governo
Udc esce da Ap di Alfano: nuovi gruppi contro voto anticipato
Governo
Bersani: Renzi vuole voto? Non si vince sulle macerie del Paese
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Robotica soft, macchine più versatili ispirate a piante e animali
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni