domenica 22 gennaio | 13:43
pubblicato il 25/mag/2012 14:40

Giustizia/ Severino intitola a Falcone 'Parlamentino' ministero

La ministro: Rimanga impresso monito di libertà e indipendenza

Giustizia/ Severino intitola a Falcone 'Parlamentino' ministero

Roma, 25 mag. (askanews) - E' da oggi intitolata a Giovanni Falcone una delle più prestigiose sale del ministero della Giustizia, sede in passato delle adunanze del Consiglio superiore della magistratura ed ora del Consiglio nazionale forense. Con una cerimonia che si è svolta stamane nel cortile del palazzo di Via Arenula, la ministro della Giustizia Paola Severino ha voluto rendere onore a Falcone, "uomo delle istituzioni e magistrato del ministero, perché - ha sottolineato il Guardasigilli - rimanga impresso, ora e sempre, il suo monito di libertà ed indipendenza, quale vero e unico baluardo nella lotta di riscatto della società civile". Alla cerimonia hanno partecipato il primo presidente della Corte di Cassazione Ernesto Lupo, il presidente e il procuratore generale della Corte d'Appello di Roma, Giorgio Santacroce e Luigi Ciampoli, il procuratore della Repubblica di Roma Giuseppe Pignatone, il Consigliere del Presidente della Repubblica per gli Affari dell'Amministrazione della Giustizia Loris D'Ambrosio, il segretario generale del Csm Carlo Visconti, l'ex ministro della Giustizia Luigi Scotti, il presidente dell'Associazione nazionale magistrati Rodolfo Sabelli, nonché i capi dipartimento attualmente in servizio al ministero e molti magistrati che avevano conosciuto Falcone o lavorato al suo fianco. "Falcone - ha sottolineato Severino nel corso del suo intervento del quale in allegato si riporta la versione integrale - era uno "straordinario magistrato" che "aveva dell'ordine giudiziario una visione molto seria, profondamente istituzionale", incentrata sull'"indipendenza dagli altri centri di potere". Ed infatti - ha fatto notare il Guardasigilli - "nonostante certi attacchi indiscriminati, soprattutto nel momento in cui accettò di ricoprire l'incarico di Direttore Generale degli Affari Penali del ministero, continuò nella sua azione di contrasto al crimine organizzato, con impegno costante e perseverante, senza curarsi di polemiche eccessive e pretestuose".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4