martedì 21 febbraio | 01:52
pubblicato il 21/set/2013 12:00

Giustizia/ Scontro Anm-Pdl. Bondi: casta. Sabelli: rispetto per pm

Coordinatore Pdl: "Vogliono imporre leggi". Presidente Associazione magistrati: attacchi e insulti violenti

Giustizia/ Scontro Anm-Pdl. Bondi: casta. Sabelli: rispetto per pm

Roma, 21 set. (askanews) - Nuovo scontro tra l'Associazione nazionale magistrati e il Pdl. L'Anm chiede rispetto, mentre il Pdl accusa i magistrati di essere una casta che vuole imporre le proprie leggi. "Il segretario dell'Anm, Rodolfo Sabelli, fornisce l'ennesima conferma di una casta di funzionari dell'amministrazione pubblica che pretende di stabilire e di dettare al Parlamento quali siano le leggi conformi o meno alla nostra Costituzione, soverchiando in maniera illegittima le istituzioni democratiche preposte a tutelare i diritti fondamentali della nostra democrazia e delle libertà dei cittadini", ha dichiarato in una nota il coordinatore del Pdl Sandro Bondi. "Il primo e essenziale principio della nostra Costituzione è il rispetto dei magistrati alle leggi e al Parlamento", afferma Bondi. "Ogni altra interpretazione e atteggiamento da parte dei magistrati dovrebbe essere sanzionato come un attacco alla Costituzione e alla democrazia". L'Anm ha ribattuto chiedendo "rispetto, a tutela dello stato di diritto, per il ruolo e la collocazione della magistratura". E Sabelli ha aggiunto: "Non posso non rilevare che siamo stati bersaglio di attacchi e insulti. Non è una novità sono diventati più numerosi e violenti sino a giungere a una campagna organizzata di delegittimazione". "Ci siamo chiesti se fosse meglio tacere per non amplificare queste voci scomposte ma siamo intervenuti per sollecitare tutti a un forte senso di responsabilità a tutela dello stato di diritto e non dare l'impressione di acquiescenza e abitudini", ha aggiunto Sabelli. "La magistratura pretende rispetto, vuole le riforme fatte nel rispetto della nostra costituzione", ha aggiunto dopo le dichiarazioni del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, su una maggiore apertura verso le riforme da parte della magistratura. "La situazione contingente continua a condizionare le riforme dopo la stagione delle leggi 'ad personam'", ha spiegato. A proposito del ddl Palma Sabelli ha sottolineato che l'Anm si "è già espressa in termini negativi non per pregiudizio con quelle previsioni ma perché è possibile un utilizzo punitivo con indebita compressione della libertà di espressione dei magistrati".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Elezioni
Blog Grillo: pazienza italiani ha un limite, lasciateci votare
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia