venerdì 20 gennaio | 23:42
pubblicato il 12/apr/2013 15:29

Giustizia: saggi, porre limiti a divulgazione intercettazioni (1upd)

(ASCA) - Roma, 12 apr - Per quel che riguarda la giustizia penale, i saggi del gruppo di lavoro sulle riforme istituzionali chiedono una ''migliore definizione sul piano legale dei presupposti sulla base dei quali gli organi delle Procure avviano e concludono le loro attivita' di indagine, con particolare attenzione per gli strumenti investigativi piu' invasivi nei confronti dei diritti fondamentali come, ad esempio, le intercettazioni delle conversazioni per le quali dev'essere resa cogente la loro qualita' di mezzo per la ricerca della prova, e non di strumento di ricerca del reato''. ''Occorre inoltre porre limiti alla loro divulgazione perche' il diritto dei cittadini a essere informati non costituisca il pretesto per la lesione di diritti fondamentali della persona'', si legge nella relazione consegnata al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

Accanto a queste misure in tema di intercettazioni, i saggi hanno evidenziato altre priorita' in materia di giustizia penale, a cominciare dal ''contenimento della durata della fase delle indagini preliminari, cosi' da giungere con solleci tudine al contraddittorio processuale quando questo si imponga, e un piu' stretto controllo giudiziario sui provvedimenti cautelari, specie allorche' incidano sulla liberta' personale''. Necessaria poi ''l'introduzione di vincoli temporali all'esercizio dell'azione penale (o alla richiesta di archiviazione) dopo la conclusione delle indagini e la revisione delle norme sulla contumacia''. Inoltre, ''ferme le garanzie per le persone sottoposte a procedimento penale, l'adozione di misure dirette a disincentivare l'esperimento di rimedi esclusivamente e palesemente dilatori 7''. Infine, i saggi hanno individuato come priorita' ''la possibilita' di riconoscere l'irrilevanza del fatto ai fini della non configurabilita' del reato; la possibilita' di considerare le eventuali condotte riparatorie come cause estintive del reato in casi lievi; la sospensione del processo a carico degli irreperibili, con relativa sospensione dei termini di prescrizione e con l'adozione di misure per la conservazione delle prove; l' inappellabilita' delle sentenze di assoluzione per imputazioni molto lievi, tenendo conto dei rilievi formulati dalla Corte costituzionale all'atto della declaratoria di incostituzionalita' della legge che rendeva inappellabili tutte le sentenze di assoluzione''.

brm/mau/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4