domenica 22 gennaio | 22:13
pubblicato il 02/feb/2012 21:15

Giustizia/ Pdl sgambetta governo e tiene alta tensione su toghe

Ok a norma Lega su responsabilità giudici, scambio accuse con Pd

Giustizia/ Pdl sgambetta governo e tiene alta tensione su toghe

Roma, 2 feb. (askanews) - Il relatore, Mario Pescante, Pdl, si era espresso contro. Così come il governo. E c'era pure un ordine del giorno della 'strana maggioranza' formata da Popolo delle libertà, Pd e Udc che di fatto rinviava la questione ad altra e più approfondita discussione. Eppure, quando è arrivato il momento di votare (a scrutinio segreto) l'emendamento del leghista Pini sulla responsabilità civile dei magistrati, la matematica è completamente saltata. Via libera alla controversa norma e conseguente scambio di attacchi reciproci: il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, accusa il Pdl di aver votato con il Carroccio e di non aver rispettato l'impegno preso con il governo a trattare il tema in un momento successivo. Dall'altra il segretario del Pdl, Angelino Alfano, tabulati alla mano, rinfaccia alla sinistra di aver contribuito al via libera alla norma con "almeno 50 voti". Di ufficiale, è evidente, non può esserci nulla. Ma è un dato di fatto l'applauso partito dai banchi del Pdl quando Gianfranco Fini ha annunciato che l'emendamento era passato. Così come la reazione stizzita del partito del Cavaliere alle parole dell'Anm che ha definito il voto "una ritorsione contro la magistratura". Altro dato di fatto è che sul tema i voti della Lega e del Pdl sono tornati a saldarsi. Il capogruppo alla Camera, Fabrizio Cicchitto, nega tuttavia che si tratti di una riproposizione della vecchia maggioranza, mette l'accento sulla trasversalità di quanto accaduto e nega che possa essere considerato un "voto contro il governo". Di certo, l'esecutivo Monti non ne è uscito bene e questo nonostante lo stesso sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Antonio Catricalà, si dica sicuro che non ci sarà "nessun problema per la maggioranza". Di fatto, comunque, il Pdl torna ad alzare la voce su un tema, il conflitto giustizia-politica, che è nel suo core business. Lo stesso Silvio Berlusconi, nonostante continui a ribadire il suo sostegno all'esecutivo dei professori, avrebbe 'benedetto' il voto dell'Aula della Camera. "E' stata ripristinata la primazia della politica sui giudici" sarebbe stato più o meno il suo commento. D'altra parte l'ex premier ha davanti ancora molti giorni 'delicati' sul fronte processuale, a cominciare dalla decisione sulla ricusazione dei giudici del processo Mills (e relativo scorrere della prescrizione). "Non posso essere io l'unico a mostrare responsabilità", si è sfogato più volte il Cavaliere di recente. E d'altra parte, mentre il ministro della Giustizia, Paola Severino, auspica che la norma venga modificata al Senato, dal gruppo Pdl di palazzo Madama si preferisce lasciare una sorta di suspense: Modifiche? "A tempo debito" - dice il vicecapogruppo Francesco Casoli - faremo le nostre "valutazioni in autonomia".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4