lunedì 23 gennaio | 06:07
pubblicato il 21/set/2013 15:24

Giustizia: Palma (Pdl), Sabelli non pianga lacrime di coccodrillo

Giustizia: Palma (Pdl), Sabelli non pianga lacrime di coccodrillo

(ASCA) - Roma, 21 set - Alcuni comportamenti dei magistrati ''per il danno che creano all'immagine e al prestigio della magistratura, devono trovare una loro legittima punizione ovvero, per il futuro, qualunque saranno le dichiarazioni dei magistrati, anche le piu' prive di misura ed equilibrio, nessuno pianga lacrime di coccodrillo e scelga la strada di un dignitoso silenzio''. Lo afferma in una nota Nitto Francesco Palma, Presidente Commissione Giustizia del Senato e Coordinatore regionale Pdl Campania. ''Il presidente Sabelli - spiega Palma - ribadisce la sua contrarieta' all'art.1 del mio disegno di legge, approvato in commissione giustizia, con il quale si prevede una sanzione disciplinare a carico dei magistrati che, contrariamente a quanto deliberato dal CSM e a quanto sancito dalla Corte Costituzionale, rendano dichiarazioni ai mass media prive di misura ed equilibrio, tali da compromettere la terzieta' affermata dall'articolo. 111 della Costituzione. Una contrarieta' giustificata dalla possibilita' di interventi punitivi e di compressione della liberta' di espressione dei magistrati. Orbene - continua l'ex ministro - ma e' vero o non e' vero che e' il Procuratore Generale della Cassazione, cioe' un magistrato, a decidere se richiedere il rinvio a giudizio disciplinare del magistrato, anche nei casi in cui e' il Ministro della Giustizia ad esercitare l'azione disciplinare? Ed e' vero o non e' vero che e' la sezione disciplinare del CSM, costituita in prevalenza da magistrati, a pronunciarsi nel procedimento disciplinare promosso nei confronti del magistrato? E non ritiene il presidente Sabelli che tale sistema sia piu' che sufficiente a garantire il magistrato da qualsivoglia strumentale intendimento punitivo? E, se la questione fosse priva di rilievo, perche' il presidente Sabelli ha duramente stigmatizzato le esternazioni del dr. Ingroia e del dr. Esposito? E perche' le dichiarazioni del dr. Esposito sono state considerate assolutamente inopportune dal Presidente della Corte di Cassazione, dr. Santacroce? E perche' a seguito di tali dichiarazioni sono partiti gli accertamenti da parte del Procuratore Generale della Cassazione e del Ministro della Giustizia? E la disposizione allegata a sospetto dal Presidente Sabelli non e' simile a quella prevista dall'art.

6, comma 3, del codice deontologico dell'ANM?''.

com-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4