domenica 19 febbraio | 22:00
pubblicato il 12/nov/2013 17:21

Giustizia: ok Cassazione a referendum su tribunali. Zaia, stop a riforma

(ASCA) - Venezia, 12 nov- ''Tutte le scelte delle giurisdizioni, di diverso ordine e grado, ci avvicinano a una conclusione verso la quale la nostra Regione si e' sempre indirizzata: il tribunale di Bassano non deve essere chiuso''. Commenta cosi', con soddisfazione, il governatore veneto, Luca Zaia, la decisione della Cassazione di dichiarare ''ammissibile'' il referendum, chiesto da nove Consigli regionali, per abrogare la riforma della geografia giudiziaria che propone il taglio di mille tribunali. ''Dopo la prima battaglia vinta il mese scorso con la sospensiva del Tar allo spostamento dei fascicoli dal tribunale di Bassano a quello Vicenza - prosegue Zaia -, oggi salutiamo come un incoraggiamento a proseguire nella strada da noi intrapresa la possibilita' che i cittadini si esprimano sulla validita' o meno della riforma dell'amministrazione della giustizia. Ma sono sicuro che sull'ipotizzata chiusura del Tribunale di Bassano il 'NO' della popolazione sara' plebiscitario.

Mi auguro che la Corte Costituzionale confermi il provvedimento della Cassazione - evidenzia il governatore - e che sia consentito ai cittadini di ribadire con forza attraverso un referendum quello che noi abbiamo piu' volte sostenuto nei confronti del Governo e del Parlamento: quello di Bassano non e' un ''tribunalino'' di poco conto, come lo dipinge iniquamente una legge assurda, ma un tribunale vero e proprio, una struttura che si e' sempre dimostrata indispensabile per un territorio tra i piu' produttivi del nostro Paese, dove sono presenti migliaia di imprese che hanno bisogno di risposte in tempi certi da parte della giustizia. Ricordo per l'ennesima volta - continua Zaia - che, in base ai dati forniti dal Consiglio dell'Ordine degli avvocati, il Tribunale di Bassano restituisce una sentenza civile in circa due anni e mezzo. Questo conferma che la decisione di chiudere una struttura indiscutibilmente efficiente risponde esclusivamente a una visione centralista dello Stato, che colpisce una comunita' e un sistema produttivo come quelli veneti, che sono sempre stati costretti a farsi carico anche degli sprechi di altre regioni, ma che ora non ne possono proprio piu' di questo ingiusto modo di governare il Paese. Come ho gia' detto, il tribunale di Bassano e' la nostra linea del Piave - conclude Zaia -, e' il simbolo di quello che la Regione deve fare per il territorio, ed e' quello che stiamo facendo''.

res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Termina assemblea Pd, Orfini: "Congresso formalmente indetto"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia