sabato 03 dicembre | 20:44
pubblicato il 27/gen/2011 05:13

Giustizia/ Oggi sciopero penalisti, protesta per mancate riforme

Ucpi inaugura a Napoli anno giudiziario, no avvocati Cassazione

Giustizia/ Oggi sciopero penalisti, protesta per mancate riforme

Roma, 27 gen. (askanews) - Niente processi oggi: i penalisti scendono in 'sciopero'. La giornata di astensione nazionale dalle udienze e dalle attività difensive è stata decisa dalla giunta dell'Unione delle Camere penali per "protestare contro l'immobilismo del sistema politico sui temi della giustizia, con riforme solo annunciate o evocate strumentalmente in nome della propaganda politica o del conflitto con la magistratura, ma mai discusse concretamente neppure in casi in cui le proposte sono già sul tavolo". Ed è la ragione per la quale gli avvocati dell'Ucpi e delle Camere penali locali non parteciperanno nemmeno alle cerimonie di inaugurazione dell'anno giudiziario presso la Cassazione e nelle Corti d'appello: "E' un rituale ottocentesco - dice Valerio Spigarelli, presidente dell'Ucpi - che continua a relegare gli avvocati in posizione gregaria, offrendo un volto deformato della giustizia, rappresentato dalla proiezione di numeri ideologicamente interpretati dai rappresentanti di vertice della magistratura e piegati alla dimostrazione di teoremi più o meno lontani dalla realtà". I penalisti, per inaugurare l'anno giudiziario, si sono dati invece appuntamento a Napoli, dove "in un processo virtuale ma fondato sulla realtà - annuncia Spigarelli - sotto accusa sarà la giustizia senza qualità, i suoi protagonisti, le sue miserie, senza far sconti a nessuno, neppure all'avvocatura stessa, portando esempi e storie reali, sollecitando e offrendo proposte concrete, per dimostrare che si può parlare di giustizia senza enfasi, senza propaganda, senza barricate ideologiche, nell'interesse del Paese". Una giornata di protesta, insomma, per "assicurare ai cittadini sottoposti a giudizio un giudice finalmente terzo, equidistante dalle ragioni dell'accusa e della difesa; e impedire l'abuso, ma per tutti, della custodia cautelare e delle intercettazioni. Per reclamare leggi penali moderne, chiare, tassative e non sciatte e contraddittorie, e sanzioni efficaci anziché inutilmente quanto virtualmente afflittive. E per pretendere un sistema carcerario degno di una nazione civile".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, Renzi: brogli? Siamo seri, polemiche stanno a zero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari