martedì 17 gennaio | 14:22
pubblicato il 27/gen/2011 05:13

Giustizia/ Oggi sciopero penalisti, protesta per mancate riforme

Ucpi inaugura a Napoli anno giudiziario, no avvocati Cassazione

Giustizia/ Oggi sciopero penalisti, protesta per mancate riforme

Roma, 27 gen. (askanews) - Niente processi oggi: i penalisti scendono in 'sciopero'. La giornata di astensione nazionale dalle udienze e dalle attività difensive è stata decisa dalla giunta dell'Unione delle Camere penali per "protestare contro l'immobilismo del sistema politico sui temi della giustizia, con riforme solo annunciate o evocate strumentalmente in nome della propaganda politica o del conflitto con la magistratura, ma mai discusse concretamente neppure in casi in cui le proposte sono già sul tavolo". Ed è la ragione per la quale gli avvocati dell'Ucpi e delle Camere penali locali non parteciperanno nemmeno alle cerimonie di inaugurazione dell'anno giudiziario presso la Cassazione e nelle Corti d'appello: "E' un rituale ottocentesco - dice Valerio Spigarelli, presidente dell'Ucpi - che continua a relegare gli avvocati in posizione gregaria, offrendo un volto deformato della giustizia, rappresentato dalla proiezione di numeri ideologicamente interpretati dai rappresentanti di vertice della magistratura e piegati alla dimostrazione di teoremi più o meno lontani dalla realtà". I penalisti, per inaugurare l'anno giudiziario, si sono dati invece appuntamento a Napoli, dove "in un processo virtuale ma fondato sulla realtà - annuncia Spigarelli - sotto accusa sarà la giustizia senza qualità, i suoi protagonisti, le sue miserie, senza far sconti a nessuno, neppure all'avvocatura stessa, portando esempi e storie reali, sollecitando e offrendo proposte concrete, per dimostrare che si può parlare di giustizia senza enfasi, senza propaganda, senza barricate ideologiche, nell'interesse del Paese". Una giornata di protesta, insomma, per "assicurare ai cittadini sottoposti a giudizio un giudice finalmente terzo, equidistante dalle ragioni dell'accusa e della difesa; e impedire l'abuso, ma per tutti, della custodia cautelare e delle intercettazioni. Per reclamare leggi penali moderne, chiare, tassative e non sciatte e contraddittorie, e sanzioni efficaci anziché inutilmente quanto virtualmente afflittive. E per pretendere un sistema carcerario degno di una nazione civile".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Conti pubblici
Di Maio: Renzi ha indebitato l'Italia, noi paghiamo il conto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Vola il mercato dell'auto nel 2016, crescita a due cifre per Fca
Enogastronomia
In Cina il liquore invecchia nelle canne di bambù
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda Milano, guardaroba Trussardi per l'uomo s'ispira ai tarocchi
Scienza e Innovazione
Spazio, quando Cernan disse: un sognatore tornerà sulla Luna
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa