lunedì 05 dicembre | 20:19
pubblicato il 28/lug/2011 09:13

Giustizia/ Nitto Palma: E' finito il tempo dello scontro

Subito una legge per le toghe che si candidano

Giustizia/ Nitto Palma: E' finito il tempo dello scontro

Roma, 28 lug. (askanews) - All'indomani della sua nomina a ministro della Giustizia e nel giorno del suo giuramento, il neo guardasigilli Francesco Nitto Palma spiega in una intervista alla Stampa lo spirito con cui vuole assolvere il suo mandato: "E' finito il tempo dello scontro. Troviamo insieme una via d'uscita per superare la crisi della giustizia. Certo è fisiologico il contrasto tra centrodestra e centrosinistra sulle scelte politiche, quello che conta è che alla fine rispettino la Costituzione e rispondano a una esigenza di amministrare la giustizia. Se così sarà i magistrati non potranno che essere d'accordo, giacché come è noto, non rappresentano la politica in questo paese". Secondo Palma "il problema del magistrato in politica deve essere risolto definitivamente con la legge. E' un tema che sta a cuore anche al capo dello Stato che ne ha parlato all'incontro con gli uditori giudiziari. Una legge che stabilisca i percorsi di ingresso in rapporto ai collegi elettorali dove il candidato ha esercitato la sua attività di magistrato, sia per quanto riguarda il rientro in magistratura dopo l'esperienza politica". Quanto allo scontro tra toghe e politica, il neo guardasigilli promette: "Mi impegno, un minuto dopo aver giurato nelle mani del capo dello Stato, ad allentare la tensione, ad avere un dialogo chiaro con l'opposizione politica e principalmente con la magistratura e l'avvocatura. Il mio obiettivo è varare le riforme che rispondano al principio costituzionale del giusto processo, che puntino a velocizzare i processi nel rispetto di tutte le parti". E sulla norma in discussione al Senato del 'processo lungo' che favorirebbe il premier Silvio Berlusconi, Palma dice: "Nessuno è depositario della verità e nessuno può fare lezioni di moralità. Se mi convinceranno che una legge è sbagliata, che non risponde ai principi costituzionali, che non è funzionale all'efficienza del servizio giustizia, mi pronuncerò contro quella legge". Gli avvocati del Cavaliere? "Io posso sentire chiunque, alla fine decido nell'interesse del paese".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari