martedì 28 febbraio | 12:30
pubblicato il 22/lug/2014 14:04

Giustizia: Napolitano, forse ora condizioni condivisione per riforma

+++Dopo il riconoscimento di Silvio Berlusconi, il giorno della sua assoluzione, per ''l'equilibrio e il rigore ammirevoli'' della ''grande maggioranza dei magistrati italiani''+++.

(ASCA) - Roma, 22 lug 2014 - Riforma della giustizia piu' vicina, dopo l'assoluzione di Silvio Berlusconi e l'atteggiamento assunto dall'ex premier verso la magistratura. Lo lascia intendere il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano nel suo intervento al Quirinale alla cerimonia di consegna del Ventaglio. ''Per condurre a conclusione la gia' annunciata riforma della giustizia - dice il Capo dello Stato - si delineano forse le condizioni per una condivisione finora mancata: partendosi finalmente dal riconoscimento che e' stato espresso nei giorni scorsi da interlocutori significativi (Silvio Berlusconi - ndr) per ''l'equilibrio e il rigore ammirevoli'' che caratterizzano il silenzioso lavoro della grande maggioranza dei magistrati italiani''.

fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Vitalizi
M5s: pensioni parlamentari come cittadini, basta ok a delibera
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
SpaceX invierà due turisti spaziali attorno alla Luna a fine 2018
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech