venerdì 24 febbraio | 02:28
pubblicato il 12/mar/2011 20:19

Giustizia/ Movimento Giustizia: Le toghe al ministero riflettano

La corrente invita a valutare compatibilità fpermanenza-riforma

Giustizia/ Movimento Giustizia: Le toghe al ministero riflettano

Roma, 12 mar. (askanews) - Dopo Magistratura Democratica, anche la corrente della magistratura del Movimento per la Giustizia, invita i magistrati distaccati presso il ministero della giustizia a riflettere e "valutare la compatibilità della loro permanenza in tali uffici con la politica della giustizia che con la loro collaborazione tecnica si sta attuando" attraverso la 'riforma epocale' della Giustizia proposta dal ministro Alfano e approvata dal Governo Berlusconi "L'annuncio della riforma della 'giustizia epocale' - è scritto in una nota sulla home page del sito del Movimento per la Giustizia- è l'ennesimo annuncio di una politica della giustizia che non ha prodotto alcun concreto intervento per rendere efficiente il sistema giudiziario ma ha solo creato un clima di delegittimazione della funzione giurisdizionale, ipotizzando anche soluzioni in contrasto con i principi della nostra costituzione". "Questa politica - è sottolineato nella nota- si avvale dell'apporto tecnico di magistrati distaccati presso il ministero della giustizia. Restiamo convinti che i magistrati abbiano il dovere di mettere la loro cultura e la loro esperienza al servizio del Paese anche dando un contributo tecnico all'attività del Governo. Pensiamo che questa forma di collaborazione istituzionale sia indispensabile per la realizzazione dei compiti che la Costituzione assegna al Ministro della giustizia. Riteniamo che quest'attività, temporanea come tutte quelle fuori ruolo, debba lealmente svolgersi qualunque sia la maggioranza di cui il Ministro sia espressione. Ma ci chiediamo come sia compatibile, con i valori affermati da sempre dalla magistratura associata, la collaborazione tecnica su proposte che mostrano una matrice culturale indifferente alla separazione dei poteri, al rispetto delle procedure e ai tempi delle decisioni, all'indipendenza della funzione giudiziaria e che esprimono un costante segnale di delegittimazione dei magistrati. Registriamo, inoltre, come le proposte di riforma della giustizia annunciate nelle ultime ore si disinteressino dei tempi di durata dei processi e della costruzione di un edificio normativo in grado di garantire l'uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge e la produzione di risposte efficienti e di qualità". "E' tempo - è l'esortazione finale del Movimento per la Giustizia- di verifica delle scelte di ciascuno. Noi l'abbiamo fatta. Auspichiamo che anche i colleghi che lavorano al Ministero la facciano, verificando la compatibilità della loro permanenza in tali uffici con la politica della giustizia che con la loro collaborazione tecnica si sta attuando".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Pd
Renzi: in California cerco idee anti-populisti
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech