martedì 21 febbraio | 19:59
pubblicato il 16/apr/2011 13:32

Giustizia/ Maroni: Manifesto 'Via Br da Procure' una cosa brutta

"Atto da condannare, Procura è stata colpita da Br"

Giustizia/ Maroni: Manifesto 'Via Br da Procure' una cosa brutta

Milano, 16 apr. (askanews) - L'affissione dei manifesti 'Via le Br dalle Procure' avvenuta in questi giorni a Milano "è una cosa brutta: questi manifesti non mi piacciono affatto perché noi stiamo combattendo le Br e lo Stato ha combattuto le Br". Lo ha detto il ministro dell'Interno Roberto Maroni. "Oggi non c'è una situazione di allarme tale da evocare le Br - ha detto Maroni - Sono state combattute e sono state sconfitte sia sul piano politico sia sul piano organizzativo. Rievocare le Br soprattutto in riferimento a un sistema giudiziario come la Procura di Milano, che per l'amor di Dio avrà tanti difetti come tutti, ma che è stata duramente colpita dalla Br, non mi pare una cosa molto utile, brillante in campagna elettorale". Il ministro dell'Interno ha riferito che sono in corso verifiche "per vedere chi li ha messi àma credo sia stato un atto da condannare".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Guerini: scissione Pd? Credo nei miracoli. Ci stiamo lavorando
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia