venerdì 02 dicembre | 23:18
pubblicato il 16/apr/2011 13:32

Giustizia/ Maroni: Manifesto 'Via Br da Procure' una cosa brutta

"Atto da condannare, Procura è stata colpita da Br"

Giustizia/ Maroni: Manifesto 'Via Br da Procure' una cosa brutta

Milano, 16 apr. (askanews) - L'affissione dei manifesti 'Via le Br dalle Procure' avvenuta in questi giorni a Milano "è una cosa brutta: questi manifesti non mi piacciono affatto perché noi stiamo combattendo le Br e lo Stato ha combattuto le Br". Lo ha detto il ministro dell'Interno Roberto Maroni. "Oggi non c'è una situazione di allarme tale da evocare le Br - ha detto Maroni - Sono state combattute e sono state sconfitte sia sul piano politico sia sul piano organizzativo. Rievocare le Br soprattutto in riferimento a un sistema giudiziario come la Procura di Milano, che per l'amor di Dio avrà tanti difetti come tutti, ma che è stata duramente colpita dalla Br, non mi pare una cosa molto utile, brillante in campagna elettorale". Il ministro dell'Interno ha riferito che sono in corso verifiche "per vedere chi li ha messi àma credo sia stato un atto da condannare".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari