venerdì 20 gennaio | 13:32
pubblicato il 29/mar/2011 20:37

Giustizia/ Maggioranza accelera su prescrizione abbreviata

Domani chiederà inversione odg Camera,slitta responsabilità toghe

Giustizia/ Maggioranza accelera su prescrizione abbreviata

Roma, 29 mar. (askanews) - "Nessun passo indietro" sulla responsabilità civile dei giudici, come ha tenuto a ribadire il relatore della legge comunitaria, il leghista Gianluca Pini, ma un passo a lato sì. Per far passare avanti la legge sul processo breve, trasformatasi ormai nel veicolo della prescrizione abbreviata per gli incensurati, "ennesima norma ad personam" per favorire Silvio Berlusconi, secondo le accuse lanciate dalle opposizioni. La maggioranza dovrebbe chiedere domani l'inversione dell'ordine del giorno della Camera, per consentire l'approvazione del provvedimento (che dovrà poi tornare al Senato) entro la prossima settimana. "Una volta entrati nel mese successivo rispetto a quello dell'avvio dell'esame, infatti, per regolamento i tempi della discussione in aula sarebbero contingentati", spiega una fonte del centrodestra. La Comunitaria, con la norma sulla responsabilità civile, a quel punto potrebbe slittare addirittura a dopo il testamento biologico. Sulla responsabilità civile delle toghe il Governo ha preso tempo in commissione Bilancio, che dovrebbe fornire il parere sull'emendamento Pini alla Comunitaria: qualche dubbio sulla copertura finanziaria della norma c'è, almeno fino a quando a pagare le eventuali cause di risarcimento per la "violazione manifesta del diritto" da parte dei giudici rimane lo Stato. Relatore e Governo si sono detti disposti ad "aggiustamenti tecnici", "ma la norma - precisa Pini - è inattaccabile" anche "sul piano della costituzionalità". La sesta commissione del Csm non la pensa così, e nella riunione di oggi ha di fatto abbozzato un parere nel quale si adombra un attacco all'indipendenza e all'autonomia dei magistrati. Ma anche il Csm ha preso tempo, visto che il testo definitivo del provvedimento potrebbe mutare. Il Quirinale "non c'entra", garantisce la maggioranza, e il Colle in effetti smentisce seccamente le ricostruzioni di stampa che attribuiscono a Napolitano un intervento per stoppare il blitz della maggioranza.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Pd
Pd, correnti in tensione su voto subito e leadership Renzi
Terremoti
Gentiloni a Chigi, pre-Consiglio ministri su emergenze sisma-neve
Terremoto
M5s cancella mobilitazione giorno decisione Consulta su Italicum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Our Place in Space, in mostra l'Universo nelle immagini di Hubble
TechnoFun
A Unidata gara per frequenze reti radio a larga banda
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale