martedì 06 dicembre | 17:55
pubblicato il 29/mar/2011 20:37

Giustizia/ Maggioranza accelera su prescrizione abbreviata

Domani chiederà inversione odg Camera,slitta responsabilità toghe

Giustizia/ Maggioranza accelera su prescrizione abbreviata

Roma, 29 mar. (askanews) - "Nessun passo indietro" sulla responsabilità civile dei giudici, come ha tenuto a ribadire il relatore della legge comunitaria, il leghista Gianluca Pini, ma un passo a lato sì. Per far passare avanti la legge sul processo breve, trasformatasi ormai nel veicolo della prescrizione abbreviata per gli incensurati, "ennesima norma ad personam" per favorire Silvio Berlusconi, secondo le accuse lanciate dalle opposizioni. La maggioranza dovrebbe chiedere domani l'inversione dell'ordine del giorno della Camera, per consentire l'approvazione del provvedimento (che dovrà poi tornare al Senato) entro la prossima settimana. "Una volta entrati nel mese successivo rispetto a quello dell'avvio dell'esame, infatti, per regolamento i tempi della discussione in aula sarebbero contingentati", spiega una fonte del centrodestra. La Comunitaria, con la norma sulla responsabilità civile, a quel punto potrebbe slittare addirittura a dopo il testamento biologico. Sulla responsabilità civile delle toghe il Governo ha preso tempo in commissione Bilancio, che dovrebbe fornire il parere sull'emendamento Pini alla Comunitaria: qualche dubbio sulla copertura finanziaria della norma c'è, almeno fino a quando a pagare le eventuali cause di risarcimento per la "violazione manifesta del diritto" da parte dei giudici rimane lo Stato. Relatore e Governo si sono detti disposti ad "aggiustamenti tecnici", "ma la norma - precisa Pini - è inattaccabile" anche "sul piano della costituzionalità". La sesta commissione del Csm non la pensa così, e nella riunione di oggi ha di fatto abbozzato un parere nel quale si adombra un attacco all'indipendenza e all'autonomia dei magistrati. Ma anche il Csm ha preso tempo, visto che il testo definitivo del provvedimento potrebbe mutare. Il Quirinale "non c'entra", garantisce la maggioranza, e il Colle in effetti smentisce seccamente le ricostruzioni di stampa che attribuiscono a Napolitano un intervento per stoppare il blitz della maggioranza.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Alfano: pronostico elezioni anticipate a febbraio
Governo
Renzi vuole dalla direzione l'ok del Pd a elezioni anticipate
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Capigruppo Fi: impraticabile congelare crisi governo Renzi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Touchscreen e realtà aumentata: a Milano il supermarket del futuro
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
I supermercati del futuro di Amazon: niente casse e code
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni