sabato 03 dicembre | 01:59
pubblicato il 02/dic/2013 12:01

Giustizia: Leva (Pd), confronto nel merito senza bandierine ideologiche

(ASCA) - Roma, 2 dic - ''Anche Alfano conviene che in questi anni i problemi della giustizia italiana sono stati purtroppo schiacciati dagli interessi personali di Berlusconi. Era ora.

Il Pd ha gia' presentato le sue proposte di riforma in Parlamento, a cominciare da quella sulla custodia cautelare, che e' in attesa di passare all'esame dell'Aula dopo il via libera ottenuto in commissione Giustizia''. Lo afferma Danilo Leva, responsabile giustizia del Pd.

''Alfano converra' sull'esigenza di superare l'uso simbolico del diritto penale fatto in questi anni, utile forse a fini elettorali ma che ha prodotto solo danni e rallentamenti al funzionamento del sistema giudiziario. Mi riferisco a leggi quali la Bossi-Fini, la Fini-Giovanardi e la ex Cirielli. Visto che si parla di stagione nuova ecco la migliore occasione per confrontarci nel merito delle questioni a partire dai tempi della durata del processo, senza cercare di piantare bandierine ideologiche'', conclude Leva. com-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari