martedì 06 dicembre | 17:04
pubblicato il 12/set/2013 18:18

Giustizia: Ferranti, ddl Palma pericolosa norma intimidatoria per toghe

Giustizia: Ferranti, ddl Palma pericolosa norma intimidatoria per toghe

(ASCA) - Roma, 12 set - ''Nei confronti del presidente Esposito mi risulta esserci gia' una istruttoria preliminare sia del Csm che del titolare dell'azione disciplinare, quindi non c'e' bisogno di fare alcuna norma per Esposito, perche' la norma c'e' gia'. Invece la proposta Palma approvata ieri e' una norma pericolosa con la quale si fa qualcosa di grave, cioe' si amplia il novero degli illeciti disciplinari''. Lo ha detto a Radio Radicale Donatella Ferranti, presidente della commissione giustizia della Camera.

''Dal punto di vista del metodo - ha spiegato Ferranti - e' stata approvata con un colpo di mano mentre alcuni colleghi del Pd, membri della commissione giustizia, erano impegnati nella giunta per le immunita', e credo che non sia mai accaduto che venisse messo in votazione un provvedimento contemporaneamente a lavori gia' calendarizzati. Nel merito con questa norma si crea la possibilita' di sottoporre a procedimento disciplinare i magistrati non sulla base di condotte tipiche o fatti certi, ma di dichiarazioni rese per il contesto sociale, politico e istituzionali tali da rilevare l'assenza di indipendenza, terzieta' e imparzialita' richieste per il corretto esercizio della funzione giurisdizionale. E' una norma talmente ampia e discrezionale da contraddire la necessaria tipizzazione degli illeciti disciplinari, cosi' come di quelli penali. Per gli illeciti disciplinari di chiunque espleti una funzione pubblica serve la certezza delle condotte contestate''.

''Mi fa specie che si sia voluto dare una corsia preferenziale a questa legge che non serve a nessuno - ha detto ancora Ferranti - se non a creare una situazione di ulteriore intimidazione nei confronti della magistratura. La cosa assurda e' che questa legge prevede anche la retroattivita' di queste norme, cosa che leggo come una quasi provocazione. Questa norma puo' essere un canale di intimidazione e non fa bene alla giustizia, non solo ai magistrati, ma all'interesse dei cittadini che hanno il diritto di avere di fronte un magistrato che abbia il coraggio di fare giustizia anche se una delle due parti contendenti e' piu' forte di un'altra ed abbia un potere intimidatorio''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Alfano: pronostico elezioni anticipate a febbraio
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Capigruppo Fi: impraticabile congelare crisi governo Renzi
Governo
Mattarella congela Renzi e attende Pd, crisi dopo la manovra
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Touchscreen e realtà aumentata: a Milano il supermarket del futuro
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
I supermercati del futuro di Amazon: niente casse e code
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni