venerdì 20 gennaio | 07:38
pubblicato il 21/gen/2014 17:29

Giustizia: Di Pietro, Cancellieri avvantaggia chi viola la legge

Giustizia: Di Pietro, Cancellieri avvantaggia chi viola la legge

(ASCA) - Roma, 21 gen 2014 - ''E' proprio il caso di dirlo: Cancellieri di nome e di fatto. Il Guardasigilli, infatti, ha trovato un nuovo modo per risolvere i problemi che affliggono la giustizia: cancellare i processi. Quello di non celebrarli e', secondo il ministro, il modo piu' semplice per snellire e velocizzare il corso della giustizia. Vero, ma e' anche il sistema che piu' avvantaggia chi viola la legge''. E' quanto scrive in un post sul suo blog il presidente dell'Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, il quale aggiunge: ''Purtroppo il contenuto del disegno di legge sul processo civile, all'esame del Parlamento, lungi dal trovare una soluzione per sveltire i processi, addirittura scoraggia il cittadino a fare ricorso alla magistratura''. Se il provvedimento ''venisse approvato, infatti - prosegue l'ex-magistrato - permetterebbe al giudice di condannare in solido avvocato e cliente per lite temeraria.

In parole semplici il magistrato potrebbe disporre la condanna alle spese processuali della parte soccombente e in piu' prevedere un risarcimento, al quale sarebbero obbligati avvocato e cliente, per il solo fatto di aver intentato la causa. Una previsione, questa, che non mira a far funzionare la giustizia ma a scoraggiare il cittadino a ricorrere in Tribunale. Tutto cio' e' una palese violazione dell'articolo 24 della Costituzione, che afferma che tutti i cittadini hanno il diritto di agire in giudizio per la tutela dei propri interessi legittimi''. ''Le nostre proposte per migliorare la situazione sono chiare - afferma - i contributi unificati e le tasse sulla giustizia dovrebbero andare direttamente al dicastero della Giustizia. Potrebbero, infatti, essere utilizzate per garantire un organico sufficiente, visto che oggi i giudici di ruolo sono ben al di sotto la soglia prevista per legge, per coprire i costi dell'adeguamento informatico o per risolvere alcuni dei problemi strutturali dei tribunali.

Inoltre dovrebbero essere indetti i concorsi pubblici per assumere nuovi magistrati e richiamare dal fuori ruolo quelli distaccati che non svolgono la loro funzione. Infine, bisogna stabilizzare quei precari che finora hanno lavorato nel comparto giustizia e non lasciarli in mezzo ad una strada con la scusa che non ci sono soldi''. ''Solo attuando queste misure - conclude - sara' possibile far funzionare un sistema che, per troppi anni, ha subito solo tagli scellerati ed ha visto mortificate le professionalita' del settore''.

com-sgr/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
D'Alema: con Renzi non vinceremo mai, leader e premier nuovi
Terremoti
Terremoto, Salvini: il trombato Errani commissario è demenziale
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Terremoti
Terremoto, Gentiloni presiede a Rieti vertice Protezione Civile
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale