lunedì 05 dicembre | 06:03
pubblicato il 26/ago/2014 19:26

Giustizia, Costa: necessari processi piu' rapidi ma con garantismo

(ASCA) - Roma, 26 ago 2014 - "Oltre il 65% dei processi si prescrive nelle indagini preliminari. Oltre il 15% durante il primo grado che evidentemente giunge con grande ritardo. Meno del 20% in Appello e Cassazione. Cosa stanno a significare questi dati? Come si conciliano con il principio del l'obbligatorieta' dell'azione penale? E ancora: il 37% delle sentenze di primo grado vengono riformate in appello ed e' davvero anomalo che ci sia chi voglia cancellare o depotenziare questa fase di giudizio che si rivela fondamentale. La posizione del Nuovo Centrodestra e' chiara: un processo piu' rapido, rigore con chi delinque, ma nessun sacrificio delle essenziali garanzie fondamentali". E' quanto dichiara in una nota Enrico Costa, vice ministro alla Giustizia.

Pol/Bac

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari