lunedì 27 febbraio | 08:21
pubblicato il 26/ago/2014 19:26

Giustizia, Costa: necessari processi piu' rapidi ma con garantismo

(ASCA) - Roma, 26 ago 2014 - "Oltre il 65% dei processi si prescrive nelle indagini preliminari. Oltre il 15% durante il primo grado che evidentemente giunge con grande ritardo. Meno del 20% in Appello e Cassazione. Cosa stanno a significare questi dati? Come si conciliano con il principio del l'obbligatorieta' dell'azione penale? E ancora: il 37% delle sentenze di primo grado vengono riformate in appello ed e' davvero anomalo che ci sia chi voglia cancellare o depotenziare questa fase di giudizio che si rivela fondamentale. La posizione del Nuovo Centrodestra e' chiara: un processo piu' rapido, rigore con chi delinque, ma nessun sacrificio delle essenziali garanzie fondamentali". E' quanto dichiara in una nota Enrico Costa, vice ministro alla Giustizia.

Pol/Bac

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech